logo san paolo
giovedì 02 dicembre 2021
 
dossier
 

Gita a Mauthausen senza la compagna autistica

18/04/2016  Una classe in partenza per un viaggio d'istruzione ha fatto capire di non volere con sé la compagna autistica. Grande indignazione e dolore della famiglia. Poca vergogna dei ragazzi e dei loro genitori. Ma non è un caso isolato. E interviene il Ministro Giannini.

Se ne parla da giorni sui giornali ed ora la gita di istruzione da cui era stata esclusa una studentessa autistica è stata momentaneamente annullata. Nessuno dei suoi compagni di classe voleva dormire in camera con lei, una ragazzina disabile, che frequenta una scuola media di Legnano. Attraverso una chat avevano chiaramente espresso questo concetto parlando di una "responsabilità troppo grande", ma non solo.

I genitori, di cui possiamo solo immaginare il dolore e l'umiliazione, quando  hanno visto i messaggi, hanno parlato con gli insegnanti, chiesto spiegazioni alla scuola. Pronti a capire le ragioni dei compagni che sono ragazzini: «possono sbagliare ma l'importante è rendersi conto dell'errore e non continuare. Se tornano le leggi razziali - dice la mamma usando un paradosso - la cosa è giustificata. Ma se c'è uno stato di diritto chiedo che lo Stato faccia qualcosa». Hanno scritto anche al provveditorato e al Ministero con la speranza che gli insegnanti e i genitori riuscissero a far cambiare idea ai compagni di classe della ragazzina che dal punto di vista fisico è autonoma e frequenta gli scout e ed è già andata a dormire in tenda senza problemi.

  

 Il Ministro Giannini ha quindi deciso di annullare il viaggio di istruzione. Ed è intervenuta contattando le scuole, le famiglie per approfondire l'accaduto e cercare di riportare il dialogo nelle comunità scolastiche coinvolte.  Anche perché non è stato un caso isolato. Pochi giorni prima a Livorno la classe del il tredicenne Giulio, affetto da autismo, va in gita, ma i suoi genitori vengono avvisati la mattina stessa. Così si ritrova in una classe vuota da solo con l'insegnante di sostegno. Stessa dinamica a Isernia dove uno studente, affetto dalla stessa patologia, è stato lasciato da solo mentre i compagni erano in gita. Luigi, 15 anni, arrivato nel suo istituto come ogni mattina, ha trovato l’aula della Media di Pozzilli (Isernia) vuota. 

 Sulla sua pagina di Facebook il Ministro ha così scritto
: «Come madre, ancor prima che come Ministro, sono rimasta molto colpita, questa settimana, da quanto accaduto a Livorno, Isernia e Legnano». Ed ha aggiunto: «Siamo tutti Giulio, Luigi, Francesca. E non potrebbe essere altrimenti. Perché la scuola raggiunge il proprio obiettivo educativo quando è luogo di rispetto ed inclusione, non certo di esclusione»   

Ma la cosa che ci colpisce di più, nel caso della gita mancata per la ragazzina autistica di Legnano, è il fatto che la destinazione avrebbe dovuto essere Mauthausen, un lager nazista e che, si presume, lo scopo del viaggio di istruzione fosse non solo  legato allo studio della Storia ma anche e soprattutto al desiderio di far riflettere i ragazzi  sull'orrore di chi  esclude, emargina e, in casi estremi, non si ferma a questo ma arriva all'eliminazione. Senza nessuna pietà e misericordia per chi considera diverso.    

I vostri commenti
18

Stai visualizzando  dei 18 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo