Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
laurea alla memoria
 

Giulia Cecchettin è dottore in Ingegneria biomedica

02/02/2024  Un diploma conferito dalla rettrice dell’Università di Padova, Daniela Mapelli. «Almeno, per oggi» ha commentato commosso papà Gino Cecchettin «vorrei che il tuo nome fosse levato a onorare la tua straordinaria essenza. Mi manchi, sarai sempre nel nostro cuore»

Giulia Cecchettin, la 22enne di Vigonovo uccisa a coltellate l'11 novembre scorso dall'ex fidanzato, ha ottenuto oggi dall'Università di Padova la laurea alla memoria in Ingegneria biomedica. Quando avvenne l'omicidio, Giulia aveva già completato la tesi ed era prossima alla discussione di laurea.

Alla cerimonia, nell'aula magna del Bo, hanno preso parte i familiari della ragazza - il padre Gino, la sorella Elena e il fratello Davide - insieme al ministro dell'Università e della Ricerca Anna Maria Bernini, la rettrice Daniela Mapelli, il direttore del Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione Gaudenzio Meneghesso e la relatrice della tesi di laurea di Giulia, Silvia Todros. Hanno voluto ricordare la figura di Giulia la sorella Elena e la sua più cara amica, Giulia Zecchin.

«Hai provocato uno squarcio nelle nostre coscienze, nella mia per prima. Sarai sempre nel cuore di chi ti ha amato e conosciuto, e sarai sempre nel nostro cuore», ha detto Gino Cecchettin, intervenendo alla cerimonia. 

«Non dimentichiamo mai di quante cose avresti potuto fare se non ti fosse stata tolta la possibilità di farle. Perché a nessun altra donna venga tolta la possibilità di farlo» ha aggiunto la sorella Elena.

«Giulia era il suo sorriso; era spensieratezza e libertà, leggerezza e bontà» ha aggiunto Giulia Zecchin, la miglior amica.

A conferire la laurea alla memoria a Giulia Cecchettin la rettrice di Padova Daniela Mapelli: «Visto l'art 26 delle carriere degli studenti sul conferimento dei titoli di laurea ala memoria, vista la deliberazione del senato accademico del 12 dicembre 2023, conferiamo a Giulia Cecchettin, nata a Padova il 5 maggio del 2001, la laurea in ingegneria biomedica, e con questo rilasciamo il diploma. Congratulazioni Giulia».

Un lungo applauso, con tutto il pubblico nell'aula magna del Bo ed il senato Accademico in piedi, ha accompagnato la consegna del diploma e di una corona di alloro ai familiari di Giulia. Elena Cecchettin, presente con il padre, Gino ed il fratello, Davide, non ha saputo trattenere la commozione mentre le veniva consegnato il diploma attribuito alla sorella.

«Questa è la giornata delle emozioni» ha detto la ministra dell'Università e ricerca, Anna Maria Bernini, partecipando alla cerimonia. Per la ministra si tratta di «un atto dovuto», poiché quelli del femminicidio sono temi «che non hanno un colore politico ma ci uniscono tutti». «Ognuno di noi deve fare qualcosa» ha aggiunto. «Non esiste l'indifferenza, perché è un insulto a Giulia». Bernini ha concluso sottolineando che «ascoltare è la prima forma di comunicazione: capire che un no deve essere rispettato. Il femminicidio non è una questione delle donne».

«Sono qui oggi per rendere omaggio a Giulia e al suo intero percorso di studi» ha concluso il sottosegretario all'Istruzione e al Merito, Paola Frassinetti. «Festeggiare Giulia e la sua laurea è anche un modo per celebrare la sua vita, quella di una giovane donna determinata a costruire il proprio futuro. L'importanza dell'educazione alle relazioni ed al rispetto della vita saranno sempre più presenti nell'esperienza scolastica di ogni studente».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo