Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
la storia
 

Giulia Cecchettin, una lettera sulla tomba: «Ero ossessivo con la mia ex. Sentendo di Filippo mi sono fermato»

30/12/2023  La missiva, firmata da un ragazzo che si chiama Filippo, è stata postata su Facebook dallo zio della ragazza uccisa: «La mia ex», scrive rivolgendosi direttamente a Giulia, «ha iniziato a ignorarmi e quindi, dato che si parlava spesso di come Filippo Turetta fosse ossessivo nei tuoi confronti, ho deciso di guardarmi dentro e riflettere sulla mia situazione»

Il delitto di Giulia Cecchettin lo ha toccato profondamente, tanto da spingerlo a riflettere su di sé, sulle emozioni nei confronti della sua ex, su quelle «piccole cose tutt'altro che piccole» che possono passare per la testa degli uomini. Allora ha preso carta e penna e ha scritto una lettera direttamente a Giulia, scusandosi «per l'ennesimo nostro fallimento».

Filippo - questo il nome del giovane che ha firmato la missiva - ha lasciato le due pagine scritte a penna blu, tra i fiori posati sulla tomba della ragazze. Le ha trovate Andrea Camerotto, zio di Giulia, che le ha postate su Facebook. «Ci sono uomini - scrive Camerotto in un post - che capiscono e si fanno giustamente un esame interiore per essere veri uomini. Grazie Filippo».

«Nel periodo in cui s'è iniziato a parlare della tua vicenda in tv - scrive il ragazzo rivolgendosi a Giulia - mi scrivevo ancora con la mia ex per la quale provavo ancora qualcosa. Nei giorni ha iniziato a ignorarmi e quindi, dato che si parlava spesso di come Filippo Turetta fosse ossessivo nei tuoi confronti, ho deciso di guardarmi dentro e riflettere sulla mia situazione».

«In queste situazioni - prosegue il giovane - è molto facile uscirsene con affermazioni come 'non sono così anche iò o 'non siamo tutti mostrì. Però sono convinto che il tutto sia iniziato dalle piccole cose, talmente piccole che talvolta non ce ne rendiamo nemmeno conto».

L'autore della lettera si dice grato ai familiari di Giulia per averlo stimolato a riflettere. «Alcuni - scrive ancora - dicono che la sua morte sia stata utile... ma come si può reputare una morte utile quando questi tragici eventi accadono ogni giorno (quasi) da anni e la situazione sembra non cambiare. La rabbia e la pena che personalmente provo nei confronti di questi ragazzi e uomini è tanta... ma sono io poi così diverso? D'altronde molte volte le piccole cose - conclude - noi non le notiamo. Un abbraccio da un quasi vicino di paese».

Sotto al post dello zio di Giulia molte persone hanno pubblicato commenti di apprezzamento per la lettera e il suo autore: «Aver creato consapevolezza in un giovane anche fosse solo uno - scrive Valentina - rappresenta già un passo verso il cambiamento». «Per fortuna in questo mondo ci sono persone che riflettono - aggiunge Claudia - e devo dire che ci sono ancora persone che hanno un cuore». «Qualcuno per fortuna ha capito» scrive Michela.

Ma anche i maschi sono rimasti colpiti: «Esistono anche i veri uomini» scrive Giacomo, mentre Diego confessa: «Sto scrivendo anch'io un paio di lettere, di pensieri a Giulia e a tutti voi. Siete sempre nel mio cuore».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo