Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
 

Giulia Lazzarini interpreta Madre Cabrini patrona dei migranti

11/11/2018  Domenica 11 e lunedì 12 Novembre alle 20.30 al Teatro della Cooperativa di Milano Giulia Lazzarini, gigante del teatro, vestirà i panni di Madre Francesca Saverio Cabrini , patrona dei migranti, in Matermundi lo spettacolo di Anna Bonel (foto di Maria Elena Fantasia).

Uno spettacolo dedicato a Madre Francesca Saverio Cabrini (Sant'Angelo Lodigiano, 15 luglio 1850 – Chicago, 22 dicembre 1917), santa dalla parte delle donne, che ha lasciato – dopo aver attraversato 28 volte l’oceano Atlantico tra il 1889 e il 1912 – più di 60 opere educative, ospedaliere e assistenziali sparse tra Stati Uniti, America Latina ed Europa.

Sogni e lavoro, concretezza e incredibile capacità visionaria: la piccola “suora con la valigia” protettrice dei migranti - impersonata da Giulia Lazzarini -  guiderà lo spettatore dentro la complessità del fenomeno dell’emigrazione, fatto di disperazione, fatica, fede e rivalsa sociale.

Con la biografia di questa donna straordinaria, Matermundi riporta alla luce una storia spesso dimenticata: quella dell’emigrazione italiana, nelle sue molteplici forme e implicazioni socio-culturali, tra le fine dell’Ottocento e gli anni cinquanta del secolo scorso. In teatro, il racconto diventa transnazionale, universale e atemporale: sono storie di ieri? Di un passato remoto? Di un futuro prossimo?

Situazioni diverse attraverso forme stilistiche diverse: la lettura/monologo di Madre Cabrini, i testi dell’Arcivescovo di Piacenza G.B. Scalabrini (Franco Sangermano), la Commedia dell’Arte con la “maschera” dello Zanni (Enrico Bonavera), brevi interventi sceneggiati interpretati da giovani allievi attori e contrappunti musicali dal vivo (fisarmonica, sax, chitarra). Le storie raccontate, a distanza di cent'anni, sono parallele a quelle degli attuali migranti. Ricordarle potrà consentirci uno sguardo e un “accoglienza” diversi: migranti siamo tutti e chi chiede asilo partecipa a un destino e a una storia comuni. Si ringraziano Suor Maria Barbagallo dell'Istituto Missionario del Sacro Cuore di Gesù di Codogno, Angelo Lucio Rossi, preside dell'ICS di via Pareto, Massimo Cecconi e Bruno Cerri.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo