Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
 

A scuola con la borsa "anti spreco"

12/10/2015  Tutti i bambini delle scuole primarie di Modena avranno la possibilità di portarsi a casa quello che resta del pranzo

Tutti i bambini delle scuole primarie di Modena avranno la possibilità di portarsi a casa quello che resta del pranzo e della merenda. Frutta, pane, yogurt, budini e merendine confezionate. L’ha deciso il Comune di Modena, dopo una sperimentazione in un paio di istituti che si è rivelata più che soddisfacente.

Da quest’anno a tutti gli alunni verrà fornita gratuitamente la speciale borsa lavabile di Legambiente, la “Good food bag” antispreco da custodire con cura nello zainetto dei libri e riempire all’occorrenza.

Secondo i dati forniti proprio da Legambiente, ogni mese in Italia si consumano non meno di 49.000.000 pasti scolastici. Spesso, nonostante sovente i genitori lamentino la scarsità delle porzioni, i bambini non finiscono il pane, oppure lasciano intatti il budino o la frutta. Rimanenze che non sempre riescono ad essere gestite o riciclate all’interno della scuola.

Con la borsa antispreco i bambini impareranno ad essere più responsabili e più attenti al valore del cibo, che potrà comunque essere riutilizzato a casa. Un’iniziativa senza dubbio lodevole, anche dal punto di vista educativo, purché le famiglie, naturalmente, la valorizzino. Guai se i resti del pranzo del figlio venissero gettati nel cestino dei rifiuti o lasciati andare a male in frigorifero. Molto meglio lasciarli a scuola. Anche perché proprio in questi giorni il Comune di Modena sta avviando un progetto di recupero e ridistribuzione del cibo avanzato nelle mense scolastiche nei centri degli enti caritatevoli del territorio. E’ già stato aperto, a questo proposito, un tavolo di lavoro con l’ Ausl e la Cir Food, fornitore dei pasti nelle mense scolastiche cittadine.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo