logo san paolo
venerdì 30 settembre 2022
 
 

A scuola con la borsa "anti spreco"

12/10/2015  Tutti i bambini delle scuole primarie di Modena avranno la possibilità di portarsi a casa quello che resta del pranzo

Tutti i bambini delle scuole primarie di Modena avranno la possibilità di portarsi a casa quello che resta del pranzo e della merenda. Frutta, pane, yogurt, budini e merendine confezionate. L’ha deciso il Comune di Modena, dopo una sperimentazione in un paio di istituti che si è rivelata più che soddisfacente.

Da quest’anno a tutti gli alunni verrà fornita gratuitamente la speciale borsa lavabile di Legambiente, la “Good food bag” antispreco da custodire con cura nello zainetto dei libri e riempire all’occorrenza.

Secondo i dati forniti proprio da Legambiente, ogni mese in Italia si consumano non meno di 49.000.000 pasti scolastici. Spesso, nonostante sovente i genitori lamentino la scarsità delle porzioni, i bambini non finiscono il pane, oppure lasciano intatti il budino o la frutta. Rimanenze che non sempre riescono ad essere gestite o riciclate all’interno della scuola.

Con la borsa antispreco i bambini impareranno ad essere più responsabili e più attenti al valore del cibo, che potrà comunque essere riutilizzato a casa. Un’iniziativa senza dubbio lodevole, anche dal punto di vista educativo, purché le famiglie, naturalmente, la valorizzino. Guai se i resti del pranzo del figlio venissero gettati nel cestino dei rifiuti o lasciati andare a male in frigorifero. Molto meglio lasciarli a scuola. Anche perché proprio in questi giorni il Comune di Modena sta avviando un progetto di recupero e ridistribuzione del cibo avanzato nelle mense scolastiche nei centri degli enti caritatevoli del territorio. E’ già stato aperto, a questo proposito, un tavolo di lavoro con l’ Ausl e la Cir Food, fornitore dei pasti nelle mense scolastiche cittadine.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo