Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
 

Gli esperti e i progetti mirati

14/06/2013 

Il mondo della scuola mantiene alta la guardia sul cyber-bullismo, già a partire dalle elementari. La dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale, Francesca Bianchessi, conferma: «Ci sono casi di cyber-bullismo e di prepotenze abbastanza diffusi. Cerchiamo di agire su livelli diversi, sia attraverso laboratori nelle classi sia attraverso la formazione dei docenti, con appositi corsi per acquisire strumenti per la gestione e l’azione educativa nelle classi. Progetti mirati sono rivolti anche ai genitori e ad altre figure educative di riferimento, tra cui allenatori in società sportive, catechisti dell’Azione Cattolica dei Ragazzi, operatori sociali e psicologi». Tra le iniziative messe in campo, vi sono momenti di discussione, convegni e altri approfondimenti sfruttando il medium televisivo. Inoltre, la società municipalizzata AemCom, che offre servizi di telefonia e banda larga alla città, ha dato vita al progetto didattico “Odissea nello spazio web”, con apposite guide dedicate a genitori e alunni. Questo lavoro è frutto di una ricerca condotta grazie a questionari distribuiti alle famiglie per capire abitudini, stili di vita, modalità di uso delle tecnologie, in particolare internet, social network e blog.

Il fenomeno è oggetto di un attento monitoraggio da parte di Paola Cattenati, membro della Commissione sul bullismo della Provincia di Cremona e responsabile del Criaf (Centro Riabilitazione Infanzia, Adolescenza, Famiglia), attivo settimanalmente in 25 scuole tra Cremona e Brescia. «La fascia adolescenziale è quella maggiormente interessata, ma la nostra azione nelle scuole è capillare già a partire dagli ultimi anni delle elementari; ormai cellulari e computer sono all'ordine del giorno anche per bambini di 9-10 anni». Alcuni tra i casi riferiti da Cattenati, riguardano ragazze filmate negli spogliatoi della palestra con la pubblicazione in rete del video, molestie anonime in forma verbale apparse sulle bacheche virtuali, foto pubblicate on-line e l'uso improprio di sms. E, «in modalità diverse, interessa sia i maschi sia le femmine; i primi ricorrono spesso a fotografie e video, mentre nel caso delle ragazze è più una forma di bullismo verbale».

Multimedia
Concorso "Doma il bullo": i vincitori 2013
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo