logo san paolo
domenica 23 gennaio 2022
 
Padri e figlie
 

«Gli ho riferito che le bimbe si sentono trattate male e lui se l’è presa con loro»

05/11/2021 

Nel nostro miniappartamento al mare ho beccato le nostre due bambine a raccontarsi che non volevano tornare a casa. «Perché – diceva una – a casa il papà è sempre arrabbiato, ci tratta male, tratta male la mamma». Appena ho sentito queste parole sono corsa da mio marito e gliele ho riferite. Apriti cielo! È corso da loro e le ha rimproverate: «Quando non siamo in vacanza io lavoro tantissimo. Lo capite? Lavoro per mantenervi, e sono sempre molto stanco» e così via. E io che credevo di far bene a riferirgli le confidenze delle bambine… o no?

LIDIA

Proprio no, cara Lidia, hai colto un momento di confidenza tra le due sorelline (sette e nove anni) per farne una rivalsa, un tirare acqua al tuo mulino! Certo, il papà andando a urlare alle figlie non solo si è mostrato per quello che è (irascibile e irruento) ma ha rubato i momenti belli dell’addio al mare che finalmente avevate potuto godere e del prepararsi alla routine del rientro. A pensarci bene, è bella la confidenza tra sorelline, quel loro scambiarsi idee su papà, quel loro averlo visto diverso durante la vacanza, quel loro aver gustato un papà meno tirato e nervoso. E non era questo che tu avresti potuto riportare a tuo marito? Pensa se tu avessi detto: «Le nostre bambine si raccontavano che è bello stare al mare dove possono gustare un papà rilassato e tranquillo...». Cosa avrebbe fatto tuo marito? Forse avrebbe preso l’occasione per farsi un esame di coscienza, o forse no! Di sicuro non sarebbe entrato urlante in camera delle vostre figlie così solidali tra loro, non ti pare? Ti stai accorgendo che devi delle scuse alle bambine per aver spiato le loro confidenze reciproche? Credo di sì, ma intanto vorrei osservare che dovete essere orgogliosi come genitori per l’alleanza tra le figlie. Non è cosa da poco! Ora ci rimane da mettere a fuoco il vero problema e cioè il rapporto tra voi due coniugi. È sicuramente vero – come hanno osservato le bambine – che tuo marito è iroso e tirato a casa e rilassato al mare. Ma tu non puoi fare qualcosa? Potresti magari riconoscergli che lui lavora per tutta la famiglia, che il suo lavoro è molto, molto impegnativo e chiede tutte le sue energie, compreso il diritto di arrivare a casa stanchissimo. Questi riconoscimenti potrebbero portare in casa “un po’ di aria di mare”! Ma è altresì vero che anche tu hai bisogno di riconoscimenti delle tue fatiche che non sono poche… hai ragione. Ma, forse, se provi dolcemente a buttarti dalla parte di tuo marito, arriveranno. Te lo auguro con tutto il cuore!

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo