logo san paolo
domenica 27 novembre 2022
 
enogastronomia
 

Gli "Stati generali" della comunicazione del vino per la prima volta in Europa

23/09/2022  A Desenzano del Garda, dal 27 settembre al 3 ottobre, la Wine Media Conference, l’evento che riunisce ogni anno wine blogger, giornalisti di settore, wine media tradizionali e influencer da tutto il mondo. L’assessore regionale Rolfi: «Evento storico». La presidente di Ascovilo, Giovanna Prandini: «Come Associazione dei consorzi vitivinicoli lombardi avremo una straordinaria opportunità di rivolgerci al mercato internazionale»

Sbarca per la prima volta in Europa la Wine Media Conference e con Ascovilo, l’associazione che raggruppa i tredici consorzi vitivinicoli lombardi, sceglie la Lombardia: dal 27 settembre al 3 ottobre Desenzano del Garda (Brescia) sarà capitale mondiale della comunicazione sul vino. L'associazione, fondata nel 2008, è un evento mondiale dedicato al settore del vino che riunisce ogni anno wine blogger, giornalisti di settore, wine media tradizionali, influencer dei social media e operatori di settore in particolare statunitensi. L'iniziativa si propone di valorizzare e far scoprire la Lombardia come «terra di vini straordinari e meta turistica di alto livello presso un target nazionale e internazionale».

Il programma dell’evento, che l'anno scorso si è tenuto negli Stati Uniti, nell'Oregon, è stato presentato nel corso di una conferenza stampa che si è svolta venerdì mattina presso la Sala della Musa di Villa Brunati a Rivoltella (Brescia) alla presenza di Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia, Guido Malinverno e Pietro Avanzi, rispettivamente sindaco e assessore alla Cultura del comune di Desenzano del Garda, Giovanna Prandini, presidente di Ascovilo, Laura Donadoni, giornalista e wine educator, Stefano Berni, Direttore Generale del Consorzio Tutela Grana Padano e Massimo Ghidelli, Presidente Garda Lombardia.

«È un onore ospitare per la prima volta in Europa, proprio in Lombardia e in particolare sul lago di Garda, un evento mondiale come la Wine Media Conference – ha commentato l'assessore regionale all'Agricoltura, Fabio Rolfi -. I vini lombardi e i territori che rappresentano saranno al centro del mondo. Una occasione che sapremo sfruttare nel migliore dei modi. La Lombardia è terra di grandi prodotti. Dobbiamo imparare a comunicare meglio ciò che facciamo anche attraverso i racconti di testimonial ed esperti del settore che sappiano informare e influenzare i consumatori. Il vino è la carta di identità di un territorio e dobbiamo valorizzare le nostre etichette anche in chiave turistica in maniera strutturale. Ringrazio la presidente Giovanna Prandini per la proficua collaborazione. Questa manifestazione, ospitata per la prima volta in Europa, è il fiore all’occhiello dell’azione di Regione Lombardia in questi anni finalizzata alla promozione e valorizzazione dei nostri vini, considerando il vino non un semplice prodotto, ma il veicolo di racconto di un territorio».

La conferenza si terrà dal 29 settembre al 1° ottobre all’Hotel Acquaviva del Garda di Desenzano. Nei giorni precedenti e successivi si svolgeranno sei escursioni che coinvolgeranno sette Consorzi di Tutela del Vino di Lombardia Durante i lavori sono previste diverse attività di divulgazione e degustazione tra cui Educational sessions, Discovery sessions, Live Wine Social, pranzi e cene a tema con abbinamento dei vini.

«Portare in Europa la Wine Media Conference per la prima volta, in particolare in Italia ed in Lombardia, è un grande risultato per Ascovilo reso possibile da un incontro fortunato e fattivo con Laura Donadoni a Merano nel 2021 e che premia il desiderio dei nostri Consorzi di Tutela di fare insieme azioni strutturate e coerenti per la promozione dei vini di Lombardia - ha aggiunto il presidente di Ascovilo, Giovanna Prandini -. Come Associazione dei consorzi vitivinicoli lombardi avremo una straordinaria opportunità di rivolgerci al mercato americano in modo coordinato, potendo confrontarci con oltre 50 giornalisti di primissimo livello negli Stati Uniti, con un programma pensato per rendere memorabile l'appuntamento italiano volto a valorizzare e far scoprire la Regione Lombardia come espressione plurale di vini DOCG , DOC e IGT. Parlare di territorio tuttavia non basta per cogliere a pieno la tradizione e cultura lombarda, per questo la Wine Media Conference sarà preceduta e seguita da escursioni volte ad esplorare i diversi paesaggi che ospitano le produzioni regionali e non mancheranno eventi conviviali: a titolo esemplificativo cito due appuntamenti a Desenzano, nelle splendide cornici del Museo Rambotti e in Castello, in collaborazione con Grana Padano nel chiostro del museo venerdì  30 settembre e con Valtenesi e Lugana insieme sabato 1° Ottobre. Inoltre, grazie alla collaborazione con il Consorzio Garda Lombardia abbiamo proposto per gli accompagnatori dei giornalisti impegnati nella Conference, un programma speciale a forte vocazione turistica affinché il ricordo di questa esperienza rimanga nel cuore dei visitatori e delle loro famiglie».

La presidente di Ascovilo, Giovanna Prandini

«Siamo sempre molto felici di poter essere un veicolo di valorizzazione dei prodotti che ricadono sui nostri territori», ha affermato Stefano Berni, direttore generale del Consorzio Grana Padano, sponsor della serata del 30 settembre nel chiostro del Museo Rambotti, «Abbiamo prodotti straordinari e un patrimonio enogastronomico unico da tutelare e da valorizzare e il Grana Padano, in quanto formaggio DOP più consumato al mondo, deve farsi parte responsabile per diffondere la cultura del gusto e della qualità in tutto il mondo».

«Il turismo del gusto è una componente fondamentale dell’offerta turistica gardesana e fra gli elementi principali che concorrono alla scelta di una località dove trascorrere una vacanza. Il Garda e la Lombardia più in generale si presentano al mercato turistico internazionale con un’offerta strutturata: cantine, degustazioni, percorsi fra i vigneti, abbinamento ai piatti del territorio, vini di altissima qualità e che già sono presenti sui mercati mondiali. La Wine Conference è una manifestazione di altissimo profilo che darà l’opportunità al nostro territorio di farsi conoscere e aprirsi a nuove opportunità. Su questi motivi si fonda la collaborazione del consorzio Garda Lombardia con Regione Lombardia e con Ascovilo che, grazie al lavoro della sua presidente Giovanna Prandini ha portato sul Garda e per la prima volta così tanti autorevoli media statunitensi», ha spiegato Massimo Ghidelli, presidente Consorzio Garda Lombardia.

Soddisfatto il sindaco di Desenzano del Garda, Guido Malinverno: «Vino, comunicazione e valorizzazione dei prodotti dell'entroterra sono tutti ingredienti di una manifestazione che è unica nel suo genere, specialmente per un Comune come Desenzano del Garda. Abbiamo l'onore e l'onere di essere la prima città in Europa ad ospitare questa rassegna di caratura mondiale, ma sono convinto che la meravigliosa cornice del Lago di Garda e la ricettività offerta dalle strutture del nostro territorio formeranno il perfetto connubio per offrire a chi verrà in occasione del Wine Media Conference un'esperienza indimenticabile».

Pietro Avanzi, Assessore alla Cultura della cittadina lacustre, ha sottolineato che «L'anno scorso questo evento si è tenuto a Eugene, in Oregon, mentre tra pochi giorni avremo la fortuna di ospitarlo qui a Desenzano: già questo elemento rende l'idea dell'importanza di questa manifestazione non solo per la nostra città, ma per l'Italia intera. Considerando poi che il nostro territorio ha da sempre la cultura e la propensione alla produzione vitivinicola e alla sua esportazione internazionale, il Wine Media Conference diventa un appuntamento di portata storica, un'occasione imprescindibile per le tante opportunità che offre e per la creazione di nuovi rapporti da instaurare con tutti i paesi del mondo presenti».

La Lombardia conta 24mila ettari di superficie vitata e una produzione annuale di 1.370.000 ettolitri (dato 2021). Il 90% del vino prodotto è a “denominazione di qualità”, grazie a 5 Docg, 21 Doc e 15 Igt.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo