logo san paolo
domenica 07 agosto 2022
 
 

Gli studenti del Salento non se ne vanno

08/02/2012  Rifiutano l’accusa di “mammoni” e lanciano un nuovo progetto per non dover emigrare

Dall’ex ministro Padoa-Schioppa al ministro Cancellieri: in tanti negli ultimi anni hanno definito, a torto o a ragione, i giovani italiani “bamboccioni”, attaccati alla mamma e all’Università sotto casa. C’è chi vuol dimostrare, però, che anche stare “vicino alla mamma”  non è solo mammimso: «Non siamo mammoni, siamo “terroni”, ovvero vogliamo restare attaccati alla nostra terra», dicono gli studenti dell’Istituto tecnico Costa di Lecce. Tanto che, per restare nel Salento, da dove ogni anno molti ragazzi, con l’aiuto delle famiglie, si spostano al Nord per studiare o trovare un’occupazione, stanno cercando di inventarsi una nuova attività che rilanci l’economia locale. «I ragazzi si stanno impegnando per inventarsi un lavoro che non c’è, per restare sul territorio e contribuire alla crescita economica della Puglia e, possibilmente, di tutto il Meridione – spiegano i docenti dell’Istituto. - Ogni anno molti giovani meridionali, diplomati e laureati, lasciano casa, amici e paese per recarsi al Nord, in Europa e oltre, in cerca di una possibile occupazione, posto fisso o flessibile che sia. Lo sappiamo bene noi che operiamo nel mondo della scuola e che, dopo due mesi dal diploma, veniamo puntualmente informati sulle scelte future dei nostri ex studenti (parliamo di quelli che hanno deciso di non proseguire gli studi) e, anno dopo anno, restiamo con quell’amaro in bocca causato da questa triste e persistente condizione».


Per dare una svolta, dallo scorso settembre, gli studenti della 3B, coordinati dal professore Daniele Manni, stanno lavorando per sfruttare il riconoscimento Unesco della Dieta Mediterranea come patrimonio immateriale dell’umanità. L’idea dei ragazzi è quella di rilanciare i prodotti della terra e della cucina della zona, per far conoscere a livello internazionale (soprattutto in Usa, Canada, Germania e Gran Bretagna) che il meridione d’Italia è la culla della Dieta Mediterranea e che i suoi prodotti e la sua cucina tradizionale rappresentano da sempre uno dei regimi alimentari più sani e gustosi. Un lavoro sul fronte comunicativo per far crescere la domanda dei prodotti e il turismo. Gli studenti hanno così creato e registrato il brand “Dieta Med-Italiana” (non è altro che la contrazione di Dieta Mediterranea Italiana) e opereranno nella promozione di quella che chiamano la “tripla A”, ovvero Agricoltura, Alimentazione e Ambiente. Un passo per il rilancio innovativo dell’agricoltura, dell’ittica e dei relativi prodotti, la promozione e commercializzazione in tutto il mondo del regime alimentare della dieta mediterranea, sempre nel rigoroso rispetto dell’ambiente.Il primo passo è l’uso di siti web, blog e social network per diffondere e far conoscere il progetto nel resto del mondo. Inoltre, stanno organizzando per il prossimo maggio il primo “Festival della Dieta Med-Italiana”, per attirare in Salento esperti, appassionati e curiosi.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo