Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
IL PAPA A "LA NACION"
 

I conservatori nella Chiesa? «Dicono no a tutto, ma io non taglio teste»

04/07/2016  In un'intervista pubblicata dal quotidiano argentino, papa Francesco parla del suo predecessore («Benedetto XVI è stato un rivoluzionario») e del suo Paese: «Non ho alcun problema con il presidente Macri, mi sembra una persona nobile»

«Loro fanno il proprio lavoro e io faccio il mio». Così il Papa ha risposto a una domanda sugli “ultraconservatori della Chiesa”, nell’intervista rilasciata al quotidiano argentino La Nacion. «Io desidero una Chiesa aperta, comprensiva, che accompagni le famiglie ferite», ha affermato: «Loro dicono no a tutto. Io continuo dritto per la mia strada, senza guardare di lato. Non taglio teste. Non mi è mai piaciuto farlo. Lo ribadisco: rifiuto il conflitto. I chiodi si rimuovono facendo pressione verso l’alto. Oppure si lasciano da parte per il riposo, quando arriva l’età del pensionamento».

Con il quotidiano argentino (che l'ha intervistato il 28 giugno, giorno in cui  in Vaticano sono stati festeggiati i 65 dell'ordinazione sacerdotale di Joseph Ratzinger), Jorge Mario Bergoglio ha anche parlato del suo precedessore.  «Benedetto XVI», ha detto Francesco, «è stato un rivoluzionario. La sua generosità è stata impareggiabile. La sua rinuncia, che rese palesi tutti i problemi della Chiesa, non ha avuto nulla a che fare con questioni personali. È stato un atto di governo. Il suo ultimo atto di governo». Riguardo allo stato di salute del Papa emerito, Bergoglio ha puntualizzato: «Ha problemi per muoversi, ma la sua mente e la sua memoria sono intatte, perfette». 

L'Argentina, infine. Nell’intervista rilasciata a La Nacion, il Papa ha affrontato ovviamente anche temi specifici del suo Paese d’origine, ribadendo di non avere «alcun problema con il presidente Macri». «Non mi piacciono i conflitti», ha spiegato: «Macri mi sembra una persona di buona famiglia, una persona nobile». Francesco ha poi ricordato di aver avuto qualche confronto con lui in passato, ma si è trattato di «una sola volta, a Buenos Aires», durante i sei anni in cui Macri è stato a capo del governo della città e Bergoglio ne è stato arcivescovo. «Una sola volta in tanto tempo è una media molto bassa», ha puntualizzato il Papa. Altri problemi, ha aggiunto, «sono stati discussi e risolti in privato e questo accordo di riservatezza è stato rispettato da entrambi. Non ho alcun rimprovero personale da fare al presidente Macri».

Il Papa ha risposto inoltre a una domanda sull’udienza concessa ad Hebe de Bonafini, la leader del ramo più intransigente delle Madri di Plaza de Mayo, che in passato aveva criticato Jorge Mario BergoglioFrancesco accusandolo, falsamente, di aver collaborato con il regime militare. La donna si è poi ricreduta ed ha ammesso pubblicamente di aver sbagliato. L’udienza concessale «è stato un gesto di perdono», ha spiegato Francesco.  «Lei mi ha chiesto perdono ed io non glielo ho negato», perché il perdono «non si nega a nessuno». «È una donna – ha sottolineato – alla quale hanno ucciso due figli. Ed io mi inchino, mi inginocchio davanti a tanta sofferenza. Non importa ciò che ha detto di me. Ed io so che ha detto cose orribili, in passato».

I vostri commenti
36

Stai visualizzando  dei 36 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo