logo san paolo
venerdì 19 agosto 2022
 
 

Gorbaciof de' noantri

20/10/2010  Stefano Incerti racconta la storia di Marino Pacileo, contabile nel carcere di Poggioreale, solo e senza passioni, tranne quella per il gioco... Strepitosa interpretazione di Servillo.

All’anagrafe si chiama Marino Pacileo, ma tutti lo conoscono come Gorbaciof per via di una voglia di colore violaceo sulla fronte. Di mestiere fa il contabile nel carcere di Poggioreale, a Napoli. Un uomo solo, che vive male, mangia peggio e indossa abiti che gli si sono ristretti addosso. Non ha neppure passioni, se non quella del gioco, sufficiente a compromettergli un’esistenza tutt’altro che esaltante. Per coprire le perdite al poker, Gorbaciof non trova di meglio che sottrarre un po’ di soldi alla cassaforte del carcere, certo che il vento della fortuna tornerà a soffiare dalla sua parte. Purtroppo non sarà così…

Non si può non ricordare il personaggio di Aleksej Ivanovic, protagonista del Giocatore di Dostoevskij. Come nel romanzo, anche in Gorbaciof di Stefano Incerti il mondo che ruota intorno alle bische e alle case da gioco è descritto con impietosa e tagliente lucidità. Come nel Verificatore è il senso di una profonda infelicità a guidare le mosse del protagonista; come quella del mafioso pentito nell’Uomo di vetro le psicologie sono sottili e complesse; come in Complici del silenzio è una romantica storia d’amore a svoltare nel thriller. Il personaggio di Gorbaciof è un prigioniero del proprio destino, ma anche un uomo generoso e tutt’altro che sordo ai sensi di colpa. Al punto di entrare in una chiesa...

Con un dialogo ridotto al minimo, Gorbaciof è un film tutto imperniato sull’osservazione e sul pedinamento dei personaggi (la scrittura cara a Zavattini). Vero e proprio cinema dello sguardo, che trova il suo asso nella manica in Toni Servillo, nella sua camminata dondolante, nella sua espressione fra il clownesco e il gradasso che si pavoneggia con aria strafottente, capelli impomatati e sorrisetto compiaciuto.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo