logo san paolo
sabato 21 maggio 2022
 
 

Giovani, il futuro è verde

30/05/2012  Il 31 maggio all'Università Luiss Guido Carli di Roma si svolge il primo GreeningCamp, che fa incontrare oltre 120 laureati e laureandi con le imprese nel settore della "green economy".

Tutela del paesaggio e mobilità sostenibile, risparmio energetico e biotecnologie, materiali innovativi nell'edilizia ed energie alternative: di tutto questo si parla al primo GreeningCamp italiano, che si svolge il 31 maggio all'Università Luiss Guido Carli di Roma. A promuoverlo, il ministero dell'Ambiente, quaranta università, altrettante imprese e più di 120 giovani laureati e laureandi attentamente selezionati. Lo scopo è quello di stimolare l'incontro e il dialogo fra imprenditori e studenti, fra le esperienze professionali già mature e le idee dei giovani, la classe dirigente del futuro, per far emergere progetti nell'ambito della green economy (economia ecologica o sostenibile).

Durante la giornata, nelle cosiddette green zone (zone verdi), verrano presentati numerosi progetti, come la gestione integrata del ciclo dei rifiuti per recuperli al 100% (eliminando lo smaltimento nella discarica), la mobilità sostenibile grazie all'uso di macchine elettriche che abbattono l'inquinamento acustico e dell'aria, il recupero di pneumatici fuori uso attraverso getti d'acqua ad altissima pressione, il mitigamento del riscaldamento globale attraverso superfici altamente riflettenti, la produzione di detergenti e detersivi ecologici grazie all'uso di materie prime naturali a basso impatto ambientale.

La green economy rappresenta un settore in grande ascesa e motore di sviluppo nel prossimo futuro per l'Italia e l'Europa, in grado di creare occupazione. Il ministro dell'Ambiente Corrado Clini ha di recente dichiarato che entro il 2013 saranno creati 60mila nuovi posti di lavoro per i giovani laureati sotto i trent'anni nel campo delle energie rinnovabili. In Italia, ha ricordato Clini, vantiamo delle eccellenze in particolare nel campo del solare e del geotermico. Un altro settore di sviluppo importante, secondo il ministro, sarà quello dell'ingegneria per la protezione e conservazione delle acque: le perdite dagli acquedotti oltrepassano il 60% in almeno dieci regioni italiane.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo