logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
Il caso
 

Harvey Weinstein, il molestatore (ma Hollywood sapeva)

19/10/2017  Dice Lina Wertmüller: «Bisogna avere la forza di denunciare, per due motivi: intimorire il molestatore e perché non succeda ad altre donne»

Prima lo chiamavano “il re di Hollywood”. Ora gli toccano altre definizioni, tipo “predatore seriale”, “molestatore compulsivo”. Con questi epiteti si racconta l’ascesa e la caduta di Harvey Weinstein, travolto dalle rivelazioni sui suoi comportamenti con le giovani attrici attraverso il ricatto sessuale: o ci stai o non avrai più una parte nei miei film.

Il produttore ha 65 anni, cinque figli avuti da due mogli. Ed ecco la domanda che circola nella Mecca del cinema: perché tutti sapevano ma nessuno parlava? La risposta è la più semplice: perché Weinstein era troppo potente per andargli contro, denunciare i suoi vizi significava stroncarsi la carriera.

Accusa Oprah Winfrey, stella della televisione: «Sono stati silenzi complici».

Lina Wertmuller:  «Capisco chi si spaventa. Ma bisogna avere la forza di denunciare» (foto Ansa)
Lina Wertmuller: «Capisco chi si spaventa. Ma bisogna avere la forza di denunciare» (foto Ansa)

Severo, ma più comprensivo, il giudizio della regista Lina Wertmüller: «Capisco chi si spaventa. Ma bisogna avere la forza di denunciare, per due motivi: intimorire il molestatore e perché non succeda ancora ad altre donne».

Si fa avanti anche la nostra attrice Asia Argento, aggredita da Weinstein nel 1997, nell’albergo di Cannes che li ospitava durante il Festival: «Dopo il trauma di quel giorno, quando lo guardavo mi sentivo debole. Aveva vinto lui». Con una intervista al New York Times interviene Lena Dunham, attrice, regista e sceneggiatrice, che invita alla denuncia: «Restare zitti è come mettere un bavaglio alle vittime. Non vogliamo dover raccontare storie come questa ancora e ancora».

ASIA ARGENTO, VITTIMA DI WEINSTEIN

  

Asia Argento, dopo anni denuncia di essere stata vittima delle molestie di Weinstein

Asia Argento, aggredita da Weinstein nel '97: «Dopo il trauma, quando lo guardavo mi sentivo debole. Aveva vinto lui» (foto Reuters)

WEINSTEIN ESPULSO DALL'ACADEMY

Dopo la rivelazione sui suoi comportamenti, Weinstein è stato lasciato dalla moglie ed espulso dall’Accademia che ogni anno assegna i prestigiosi Premi Oscar. Hillary Clinton ha annunciato di rinunciare al finanziamento che lui le aveva versato per aiutarla nella corsa alla Casa Bianca. «Darò quei soldi in beneficenza», ha dichiarato Hillary.

Infine, l’ultimo colpo di scena. Harvey Weinstein ha capito che i suoi comportamenti sono una malattia: adesso è ricoverato in una clinica dell’Arizona specializzata nella cura e riabilitazione di chi ne è colpito.

I vostri commenti
19

Stai visualizzando  dei 19 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo