logo san paolo
giovedì 01 ottobre 2020
 
 

La sfida di Hazare, il nuovo "Gandhi"

19/08/2011  Anna Hazare, 74 anni, da vent'anni attivista sociale in India, è appena uscito di prigione e inizia oggi uno sciopero della fame. Per sconfiggere la piaga della corruzione.

Con la pratica, tipicamente gandhiana, del digiuno pubblico e della non violenza c'è un uomo che sta scuotendo l'India dalle fondamenta. L'uomo è Anna Hazare, 74 anni, un attivista sociale che da un ventennio porta avanti battaglie contro la corruzione nella politica e nella pubblica amministrazione del gigante asiatico.



Vestito di bianco come il Mahatma Gandhi (al quale, la prossima settimana, sarà dedicato il primo volume dell'iniziativa “Uomini liberi”, in uscita sul n. 35 di Famiglia Cristiana, in edicola dal 25 agosto), Anna Hazare ha cominciato oggi, venerdì 19 agosto, uno sciopero della fame pubblico di 15 giorni in un parco di Delhi, circondato da migliaia di suoi sostenitori, molti dei quali hanno affollato il parco sventolando la bandiera nazionale dell'India.



Il braccio di ferro di Hazare con le autorità indiane dura da diverso tempo. Lo scorso aprile Hazare cominciò uno sciopero della fame per chiedere la creazione di un comitato incaricato di redigere una legge contro la corruzione, da lui considerata la vera piaga della società indiana. In aprile le richieste di Hazare raccolsero uno straordinario consenso popolare e al quarto giorno di digiuno il governo accettò di istituire un ombudsman, cioè un'autorità indipendente incaricata di indagare sui casi di corruzione.

La versione finale della proposta di legge è stata presentata all'inizio di agosto, ma Hazare l'ha considerata una presa in giro. La legge, infatti, esclude dalle competenze dell'ombudsman il primo ministro e i vertici della magistratura. Perciò Anna Hazare ha rilanciato il suo movimento di protesta con un nuovo sciopero della fame. Le autorità gli hanno chiesto di digiunare solo per tre giorni e con non più di 5 mila persone, ma Haraze si è rifiutato di prendere questo impegno.



Così la mattina di martedì 16 agosto Hazare e alcuni suoi collaboratori sono stati arrestati con l'accusa di turbare la quiete pubblica. Ma davanti alla prigione di Tihar, a Delhi, si sono radunate migliaia di persone
e il governo è stato bombardato di fax e messaggi di protesta. Le autorità indiane, in grave imbarazzo, hanno rimesso in libertà Hazare, il quale ora è libero di condurre la sua protesta contro la corruzione, che considera “una seconda guerra di indipendenza”.

Il primo ministro Singh, pur riconoscendo che Hazare può essere mosso da nobili ideali, ha dichiarato inaccettabile la sua sfida alle autorità indiane. Tuttavia il Governo è preoccupato perché il consenso raccolto da Hazare è molto vasto in tutto il paese, coinvolge città e villaggi, giovani e anziani, ricchi e poveri. Secondo una recente ricerca, la corruzione è costata all'India miliardi di dollari e ha rischiato seriamente di frenare la crescita economica del paese.

I più recenti casi di corruzione riguardano una serie di tangenti nel settore delle telecomunicazioni
, la pessima gestione dei Giochi del Commonwealth e uno scandalo per gli alloggi destinati alle vedove di guerra e assegnati invece ad alcuni funzionari pubblici che non ne avevano diritto.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%