Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
un gesto di pietà
 

«Ho offerto la cappella di famiglia per i bimbi morti nel naufragio»

01/03/2023  Parla Nicoletta Parisi, ottantenne di Botricello in provincia di Catanzaro, sconvolta dalla tragedia dell’ultimo sbarco sulle coste calabresi: «Quando l’ho detto ai miei figli la risposta è stata unanime “mamma hai fatto bene”» racconta. «Seguire il Vangelo non è ripetere velocemente l’Ave Maria, ma amare i propri fratelli»

Nicoletta Parisi, 80 anni, davanti alla cappella di famiglia
Nicoletta Parisi, 80 anni, davanti alla cappella di famiglia

Nella cappella di famiglia da undici anni riposa il marito con cui Nicoletta Parisi, oggi ottantenne, è stata sposata per 46 anni. Davanti al naufragio di domenica scorsa della barca carica di migranti sulla spiaggia di Steccato di Cutro, nel Crotonese, non ha avuto dubbi. Offrire un posto dove far riposare quegli innocenti accanto all’amore di una vita.

Tre figli ormai grandi, non si è consultata con loro. Il giorno dopo ha cercato il parroco, «ma era impegnato nella benedizione delle salme. Allora mi sono rivolta direttamente al sindaco, Michelangelo Ciurleo per offrire a questi piccoli l’ultima ospitalità. Il cammino della fede e l’educazione in famiglia mi hanno portato a questo gesto. Quando l’ho detto ai miei ragazzi la risposta è stata unanime “mamma hai fatto bene”».

Non sa se l’operazione andrà a buon fine, se sia possibile farlo; ma ha una certezza «Siamo tutti profughi sulla faccia della terra». Quando ha sentito la notizia in Tv si è disperata «quelle immagini sono state come lame nel cuore, in quei bambini ho visto il volto di Cristo» e ha pensato immediatamente alle loro mamme «sono sorda da un orecchio ma non nell’anima. Sono arrivati a due o tre chilometri da casa mia, mi è sembrato di sentire quel grido».

Un passato in Azione Cattolica, la giovinezza trascorsa sull’isola di Capo Rizzuto Nicoletta avrebbe voluto partire missionaria «sognavamo di andare in Albania, nel frattempo davamo una mano alle suore di Ivrea curando i bambini». Ma poi l’amore «mi sono sposata e mi sono trasferita a Botricello. Quello spirito, però, mi è rimasto dentro. Gli ho dato forma con le ragazze che venivano da me per imparare a ricamare».

Nicoletta, infatti, da cinquant’anni gestisce una boutique di moda in centro al paese in cui lavora anche la figlia più piccola «Ai miei ragazzi, tra difetti e peccati, ho sempre testimoniato l’altruismo. La bellezza di dare a Dio qualcosa, che è quello che tutti gli uomini dovrebbero fare».  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo