logo san paolo
sabato 27 novembre 2021
 
Desiderare una nascita
 

«Ho rinunciato alla fecondazione artificiale. Ma ora nasce Gesù bimbo..»

21/12/2018 

Ciò che sto per dire è insieme un sollievo, una speranza e un dolore: ho rinunciato – d’accordo con mio marito – alla sesta fecondazione artificiale. Ne ho subite cinque: bombardamenti di ormoni, masturbazioni su ordinazione di mio marito (scusi se sono così cruda). Le prime due volte sono rimasta incinta, poi ho perso subito quello che con mio grande dolore chiamavo “il bambino”. Ma ora è Natale, nasce il piccolo Gesù, perché non dovrei ospitare anch’io, nel mio utero, una nuova vita? Continuo a pregare la Madre perché faccia diventare anche me madre...

FABIANA

— Mentre leggevo la tua lunga lettera, carissima Fabiana, mi sono risuonate all’orecchio le dolci parole di san Francesco (fra l’altro cantate dallo straordinario Piccolo coro Mariele Ventre, proprio per questo Natale). Ecco le parole: «Dolce sentire come nel mio cuore ora umilmente sta nascendo amore»: è quello che desidero per te, splendida aspirante mamma, e forse in questo momento anche chi ci legge lo desidera per te. Una montagna di desideri. Buoni, semplici, umili: per te. Ma, attenzione, non c’è niente di magico. Proviamo a riflettere: non è detto che i nostri desideri debbano o possano essere realizzati. Dietro un desiderio “perentorio” si può nascondere un bisogno, una pretesa, un risarcimento. Nella vita nulla è dovuto. Anche quando un desiderio sembra esaudito, c’è sempre ancora un bisogno impotente da “colmare”. La nascita del piccolo Gesù è quanto di più lontano dal piano miracolistico-magico! Forse (forse forse!) la Madre di Dio desiderava per il suo piccolo un ambiente caldo, con tutti i comfort, con la vicinanza e l’assistenza di altre donne… Invece, sola con il suo Giuseppe, fa esperienza di impotenza: al suo neonato mancava tutto. Tranne che il suo amore. Come dice Francesco: «Ora umilmente»; tentiamo di tradurre la dolcezza di questa “umiltà”: se tu fai spazio nel tuo cuore non al bisogno, alla voglia, all’impulso di avere un bambino, ma all’umile desiderio, allora nascerà! Aspettalo nella forma che la Vita ti regalerà: ci sono tanti modi di “incontrare” un bambino, senza pretese. Allora ti viene da sorridere, insieme al tuo sposo: “Sta nascendo amore”, nella forma misteriosa e umile che la Vita vi regalerà.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo