logo san paolo
lunedì 20 settembre 2021
 
dossier
 

La disfatta di Hollande e dei servizi di sicurezza francesi

14/11/2015  Nonostante le misure di sicurezza predisposte dopo la strage di Charlie Hebdo, Parigi è stata nuovamente straziata da un attacco in grande stile senza precedenti. Il Governo francese ha mostrato una debolezza del suo sistema di sicurezza inconcepibile. Qualcuno pagherà?

La strage di Parigi, rivendicata dall'Isis, è senza precedenti in Europa, e può ben essere considerata l'11 settembre francese. Ma non si può certo dire, a differenza della carneficina di Charlie Hebdo o dell'assalto alle Torri Gemelle, che fosse inaspettata. I bombardamenti francesi in Siria avrebbero dovuto tenere gli apparati di sicurezza nella massima allerta. La capitale francese è stata colpita al cuore, in strutture considerate dagli apparati di tutto il mondo obiettivi sensibili: il decimo arrondissement, in pieno centro, una sala da ballo dove era atteso un concerto molto atteso che aveva registrato il tutto esaurito, addirittura uno stadio dove si giocava Francia-Germania e dove era presente lo stesso presidente Hollande.


E invece nessuno è stato capace di prevenire una serie di attacchi concentrici e coordinati, con una regia ben precisa e un piano ben preordinato, dove i terroristi, quasi certamente jihadisti, hanno provocato una strage senza precedenti con lucida ferocia, dispiegando indisturbati tutta la loro "geometrica potenza". I servizi di sicurezza francese, soggetti in primavera a una riforma che li ha dotati di poteri più ampi, proprio all'indomani della strage del Charlie Hebdo, si sono dimostrati del tutto inadeguati, nè le forze dell'ordine hanno dimostrato una prontezza d'intervento all'altezza della situazione. A Parigi in quelle ore frenetiche in cui centinaia di ostaggi erano tenuti prigionieri dai kamikaze islamici e già filtravano notizie agghiaccianti su esecuzioni di massa, lo sconcerto e lo smarrimento dominava su tutto. Ancora una volta la Francia si è scoperta del tutto fragile e insicura. Chiudere le frontiere e proclamare lo stato d'emergenza, come annunciato dal presidente Hollande in un messaggio televisivo ai francesi, è parso un intervento tardivo.

Certamente le difficoltà di prevenire un fenomeno così complesso come quello terroristico di matrice islamica in Francia, vista la grande presenza di "cellule dormienti" nel Paese sono numerose, ma il 13 novembre verrà ricordata come la Waterloo degli apparati di sicurezza francesi. C'era stato solo un generico allarme poche settimane fa circa la possibilità dei jihadisti di colpire in Europa, finalizzato alla necessità di scambiare i dati in possesso dei diversi servizi segreti europei. Niente di più. La strage di Parigi può ben essere considerata l'ennesima sconfitta del presidente francese Francoise Hollande, del premier Valls e del ministro degli Interni Cazeneuve, cui fanno capo i servizi di sicurezza del Paese. Ora è il momento del dolore, del cordoglio e dell'unità del Paese contro il nemico del terrorismo. Ma certo le polemiche sull'inadeguatezza degli apparati di sicurezza rimangono.





Multimedia
Francia sotto shock: attentati a raffica, 60 morti. Hollande chiude le frontiere. Cordoglio di Obama
Correlati
I vostri commenti
22
scrivi

Stai visualizzando  dei 22 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%