Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
 

Hooverphonic, dal Belgio con amore

06/05/2011  "The night before", li ritorno del gruppo con la nuova cantante Noemie Wolfs

È il tipico caso in cui in macchina ti capita di ascoltare una canzone mai sentita prima, da una voce sconosciuta, e subito di ritrovi a canticchiarla. La canzone è “Anger never dies” e la voce sconosciuta è quella di una 22enne, Noemie Wolfs, nuova vocalist del gruppo belga Hooverphonic. Il grande pubblico ha imparato a conoscerli nel 2000 grazie a un altro tormentone, “Mad about you”, un exploit che la band, pur continuando a confezionare brani più che dignitosi, non è più riuscito a ripetere. Finché, nel 2008, è arrivata la svolta. La cantante Geike Arnaert decide di lasciare il gruppo per dedicarsi alla carriera solista e da quel momento i due leader, Alex Callier e Raymond Geerts, vanno a caccia di una degna sostituta: dopo oltre mille provini di ragazze provenienti da tutto il mondo, la scelta cade su una connazionale, Noemie, giovane diplomata in arti grafiche.

Il tempo di sistemare vecchie canzoni e di scriverne di nuove e il risultato è “The night before”, il nuovo album del gruppo. Nelle 12 canzoni che lo compongono non c'è traccia dell'elettronica che negli anni '90 avevano fatto degli Hooverphonic, con i Massive Attack e i Portishead, una delle band di punta del trip-hop. Ci si muove in un puro territorio pop, dominato da orchestrazioni che sorreggono melodie semplici e accattivanti. La voce di Noemie si integra alla perfezione in quest'architettura sonora e questo costituisce insieme un pregio e un limite dell'intero disco: tutto appare fin troppo “perfettino”, manca una vetta emozionale paragonabile a “Mad about you”. Ci sono però ugualmente due brani che spiccano sugli altri: la languida, ipnotica “Danger zone” che chiude il disco e “George's cafè”, un evidente omaggio a Ennio Morricone e John Barry, che starebbe benissimo dentro un film di James Bond.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo