logo san paolo
venerdì 30 ottobre 2020
 
I nostri figli e la violenza
 

I bambini di fronte al male: come comportarsi?

07/04/2017  Attacchi terroristici, guerre, terremoti, episodi di cronaca nera: dobbiamo nasconderli ai nostri figli per proteggerli? I minori vogliono essere informati, perché così si sentono in grado di gestire la paura. Lo rivela una ricerca condotta per il Network Kids di De Agostini editore. La sfida allora è costruire un'informazione adatta all'infanzia.

I BAMBINI DI FRONTE ALLE NOTIZIE "CATTIVE"  

I bambini vogliono essere informati e sapere, anche quando accadono fatti ed eventi tragici, perché capendo le situazioni hanno meno paura: è il messaggio che il mondo dell'infanzia invia a genitori, educatori, mass media attraverso la ricerca "I bambini devono sapere: il ruolo della corretta informazione oggi sul target dei nativi digitali", che il Network Kids di De Agostini Editore ha presentato a Cartoons on the Bay. Un suggerimento prezioso che deve essere colto per costruire un'informazione, appunto, corretta: capace di informare il bambino senza traumatizzarlo, in modo che la notizia venga proposta in modo adeguato e il minore abbia così la possibilità di elaborarla, gestendo la paura.

La ricerca, realizzata dall'Istituto Tips, rileva che il 97 dei minori interpellati vuole sapere; di questi, il 60 per cento spiega che, essendo informato, ha meno paura, mentre il 53 per cento afferma di avere così la possibilità di evitare il pericolo.

GUERRA, TERRORISMO, TERREMOTO: PERICOLI LONTANI E VICINI

Stiamo parlando di eventi come il terremoto, la guerra, il terrorismo, l'immigrazione.

Terrorismo e guerra sono termini conosciuti dalla stragrande maggioranza del campione. Eppure, insieme a casi di cronaca nera e femminicidi, si sentono inquietati da questi avvenimenti e, da soli, non sanno darvi una risposta né una giustificazione. Di qui il bisogno, manifestato da loro stessi, di venire informati. Tutti i bambini intervistati sono consapevoli di che cosa sia il terremoto e lo percepiscono come un pericolo prossimo, tanto che il 65 per cento ritiene che potrebbe riguardarli personalmente. Ciò provoca paura e preocupazione.

Al contrario, la guerra è percepita come un pericolo lontano - il campione vive naturalmente in Italia - anche se solo il 19 per cento pensa che non li riguardi; il terrorismo è sentito come un fenomeno incontrollabile, in grado di colpire in qualsiasi momento.

Sembra che i nativi digitali siano molto più aperti a una società multietnica degli adutli: solo il 4 per cento degli intervistati ne è spaventata. 

LE FONTI DEI MINORI E LE FAKE NEWS

  

Ma da dove traggono le informazioni i bambini, quali sono le loro fonti? La più affidabile, per l'87 per cento, sono i genitori, da cui apprende le notizie il 72 per cento di loro. Seguono la Tv e la scuola al 66 per cento, Youtube al 59, Internet al 41, gli amici al 28. 

Per fortuna i minori sono più smaliziatI di quanto sospettiamo in relazione alle Fake News: il 61 per cento è consapevole della loro esistenza e anche per questo chiede di essere adeguatamente informato. 

 

SERVE UNA INFORMAZIONE PER L'INFANZIA

Se questi sono i dati, emerge con chiarezza l'urgenza di un'informazione adeguata, calibrata sull'infanzia, i suoi linguaggi, la sua sensibilità e la sua piscologia. I bambini vogliono sapere, ma è evidente che devono sapere attraverso un linguaggio adatto alla loro età: una notizia "mal raccontata" può provocare disagio e schock, una notizia "ben raccontata" non solo informa, ma sostiene la crescita personale.

Nell'occasione il Network Kids di De Agostini Editore ha presentato anche lo speciale Ti racconto i terremoti con Giovanni Muciaccia, una clip realizzata dopo il sisma in Centro Italia in cui si racconta ai più piccoli che cosa è e come affrontarlo. (Vedi il video collegato). 

E poi anche la puntata speciale del programma Freestyle - tutta un'altra stanza in cui Muciaccia e il suo team di esperti lavoreranno per decorare alcune aule delle scuole di Norcia, ricostruite dopo il sisma da Fondazione Francesca Rava.

Multimedia
Giovanni Muciaccia: ti racconto i terremoti
Correlati
I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%