logo san paolo
sabato 04 dicembre 2021
 
I dubbi dei lettori
 

Ma i gesti fisici tra fidanzati sono sempre peccato?

29/11/2017  Quand’è che la reciproca conoscenza spirituale e corporale tra due fidanzati è illecita ed è peccato grave? Risponde il teologo moralista: «Non esiste una risposta univoca, uguale sempre per tutti, ma ognuno deve interrogare sé stesso con sincerità»

PIETRO - Quand’è che la reciproca conoscenza spirituale e corporale tra due fidanzati è illecita ed è peccato grave?

I gesti fisici per essere veri e costruttivi devono esprimere gli atteggiamenti interiori. Anche i gesti di affettuosità tra fidanzati vanno misurati su quello che le due persone hanno maturato in sé, l’una nei confronti dell’altra.

Come è sproporzionato un gesto di grande effusione con una persona appena conosciuta, o verso la quale si sente una generica attrattiva, così lo è anche tra fidanzati.

E allora quando? Non esiste una risposta univoca, uguale sempre per tutti, ma ognuno deve interrogare sé stesso con sincerità e chiedersi: perché cerco questo gesto? Che significato ha nella nostra storia d’amore?

È il prodotto dell’istinto o è dettato dall’amore interiore per crescere entrambi in una comunione di vita che non è solo fisica, ma coinvolge tutta la persona? I gesti di affettuosità fisica sono spesso ingannatori, perché sono facili e intensi, e danno l’impressione di creare una comunione profonda, anche quando sono solo frutto dell’istinto.

Per questo è opportuno durante il fidanzamento – che oggi si prolunga sempre più – confrontarsi con un direttore spirituale.

I vostri commenti
40

Stai visualizzando  dei 40 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo