logo san paolo
sabato 04 dicembre 2021
 
 

I giovani e la prima casa

19/11/2011  Il mercato immobiliare è fermo, ma aumentano i ragazzi single che comprano casa.

Il mercato immobiliare nel corso dell’anno ha smentito le previsioni più ottimistiche, facendo registrare andamenti altalenanti e una contrazione dei prezzi intorno al 3%. Nonostante ciò, l’ufficio studi di Tecnocasa ha individuato una volontà di acquistare casa che ancora persiste e che coinvolge soprattutto i giovani. Prevale l’intenzione di comprare l’abitazione principale (77,4%) piuttosto che per investimento (18%) o come seconda casa (4,6%). Rispetto a un anno fa, infatti, sono in aumento coloro che acquistano la prima casa, passando dal 73,4% al 77,4%, mentre calano gli investitori.

La maggioranza degli acquirenti ha un’età compresa tra 35 e 44 anni (36,5%), seguiti dai giovani di età compresa tra 18 e 34 anni (32,1%). Questi ultimi sono in aumento rispetto alla primo semestre del 2011 passando da 28,4% a 32,1%. È invece stabile la percentuale di chi acquista nella fascia di età compresa tra 35 e 44 anni. Inoltre, aumentano gli acquirenti single (52,5%) rispetto alle famiglie: i giovani che hanno raggiunto una stabilità lavorativa, aiutati da un mutuo e con l’apporto dei genitori, preferiscono infatti acquistare un’abitazione. In diminuzione invece gli acquisti nella fascia di età compresa tra 55 e 64 anni, passata da 13% a 8,3%.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo