Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
ucraina
 

"I mercenari della Wagner sono capaci di destabilizzare l'Europa"

15/03/2023  Don Stefano Caprio, esperto del mondo russo, spiega l'ascesa del gruppo paramilitare che, secondo il ministro Crosetto, sarebbe coinvolto nell’aumento dei flussi migratori verso l’Italia. Ma in Donbass emergono i contrasti con i comandi militari russi.

Il ministro della Difesa Guido Crosetto è convinto che il gruppo di mercenari russi Wagner, attivo in Libia e in altri paesi africani, potrebbe essere coinvolto nell’aumento dei flussi migratori verso l’Italia.

“Le dichiarazioni di Crosetto non mi hanno stupito”, dice a Famiglia Cristiana  don Stefano Caprio, docente di Spiritualità russa al Pontificio Istituto Orientale di Roma, già professore all’università di Mosca.

Perché non si è stupito?

“Perché chi segue un po’ queste vicende sa che effettivamente la compagnia  Wagner è piuttosto attiva in Africa da diversi anni, cercando di influire soprattuto sulle situazione di instabilità politica di vari regimi, in  Libia, Mali,  Burkina Faso e diversi altri per riaffermare una certa presenza della Russia in Africa. Che poi adesso abbia anche questo scopo di turbare l’Europa con i migranti non mi sembra tanto difficile da comprendere, visto il tipo di attività che fanno”.

Quindi l’ipotesi di Crosetto è fondata?

“Direi senz’altro di sì. Yevgeny Prigozhin, il capo della Wagner, è il tipo capace di fare queste cose”.

Che tipo è Prigozhin?

“Prigozhin mette insieme le figure dell’ideologo, dell’oligarca e del militare. Uno dei tipici personaggi  che ruotano attorno a Putin negli ultimi tempi. Quindi non è una figura del tutto isolata. Certo è un uomo che si messo a costruire una compagnia per sostenere questo tipo di politica scelta dal Cremlino. La Wagner è erede di certe squadre di assalto un po’ segrete dell’Unione Sovietica, ma che nella prima parte del periodo post sovietico non erano particolarmente attive. Col crescere dell’aggressività  e del nazionalismo russo a livello internazionale queste squadre sono venute fuori di più negli ultimi  dieci o quindici anni.”

Nel corso degli anni come sono cambiate le attività della compagnia Wagner?

“Prima della guerra in Ucraina facevano azioni limitate, utili alla Russia, ma che non coinvolgevano e compromettevano direttamente lo Stato russo. Lo abbiamo visto in Africa e poi negli otto anni di guerra ibrida in Donbass, dove sono intervenuti soprattutto i mercenari della Wagner, ma con l’invasione dell’Ucraina le cose sono cambiate”.

E sono cominciati anche i contrasti fra la Wagner e l’esercito regolare russo.

“Esatto, adesso che siamo in guerra l’esercito funziona secondo schemi militari più precisi e la Wagner è entrata in conflitto con l’esercito. Preso atto che la guerra non ha prodotto grandi risultati a vantaggio della Russia, la Wagner vuole proporsi come l’unica forza capace di vincere le battaglie. Lo vediamo a Bakhmut, dove sembra di assistere a una guerra fra la Wagner e l’esercito russo piuttosto che a un conflitto fra Russia e Ucraina”.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo