Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
 

I nonni sono una risorsa che vale più di 2.000 euro al mese

02/10/2019  Accudiscono i nipoti, aiutano nella gestione della casa, cucinano, accompagnano e risolvono le divergenze familiari. Essere nonni in Italia è un vero e proprio lavoro che, se mai venisse remunerato, varrebbe più di 2000 euro

Sono più di 12 milioni i nonni in Italia, e, secondo un’analisi Ipsos, il 61% di loro supporta figli e nipoti nella gestione del menage familiare. Un dato che si distanzia molto dai colleghi europei, solo il 27% dei nonni d’oltralpe afferma infatti di svolgere in maniera attiva e costante il proprio ruolo. Alla luce di questo dato, e in occasione dell’imminente Festa dei Nonni, ProntoPro.it, portale che mette in contatto domanda e offerta di servizi professionali, ha voluto calcolare l’ipotetico stipendio dei nonni, nel caso venissero pagati per i preziosi servizi che ogni giorno offrono alla famiglia. Un salario che si attesterebbe intorno ai 2250 Euro al mese.

Lo stipendio medio è stato calcolato prendendo in considerazione tutte le attività svolte, e le relative paghe orarie riconosciute a chi esercita gli stessi mestieri come lavoratore professionista, attingendo ad un database di 400.000 professionisti, suddivisi su 500 categorie di servizi.

I servizi offerti: dall’autista al consulente psicologico

La giornata tipo del nonno italiano inizia con un passaggio a scuola ai nipoti, un comodo servizio di autista privato che, se fosse remunerato, prevederebbe un compenso di circa 18 Euro all’ora.

Una volta depositati i bambini, i nonni rientrano spesso a casa dei figli, e provvedono a quelle incombenze domestiche che, chi lavora a tempo pieno, magari lontano dal paese in cui vive, fatica a gestire: stirare, riordinare le camere, aggiustare la perdita del rubinetto in cucina o cambiare una lampadina. Secondo ProntoPro una colf può costare fino a 15 Euro all’ora, mentre il ruolo di tuttofare è equiparabile a quelle professioni che più lavorano su emergenze (dall’idraulico all’elettricista), per un costo medio di 25 euro, calcolando mezz’ora di servizio.

Si avvicina l’ora di pranzo e molti nonni si occupano di cucinare un pasto sano e sostanzioso ai proprio nipoti, nel ruolo di chef a domicilio dovrebbero percepire un compenso medio di 55 Euro all’ora. Con l’arrivo del pomeriggio si apre un ampio ventaglio di possibilità. C’è chi aiuta i nipoti a svolgere i compiti, un servizio di tutoraggio che potrebbe costare fino a 20 Euro all’ora, ma anche chi si occupa dell’organizzazione di feste di compleanno o momenti di svago per nipoti e amichetti: come animatori i nonni dovrebbero ricevere un compenso orario di 50 Euro. La saggezza e l’esperienza di vita di un nonno può inoltre diventare un prezioso aiuto in caso di problemi con i compagni di classe o con i genitori, una consulenza psicologica che se fosse remunerata potrebbe costare fino a 55,00 Euro all’ora.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo