Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
dossier
 

I nostri figli adolescenti non vanno più a Messa, abbiamo sbagliato qualcosa?

13/08/2019  Ci siamo confrontati con altri genitori, anche loro condividono le nostre esperienze: ragazzi che crescendo contrastano i valori che abbiamo cercato di trasmettere loro. Che adulti diventeranno?

Con alcuni amici, che hanno figli adolescenti come noi, ci siamo interrogati su quali valori, come uomini e come cristiani, stiamo trasmettendo loro. È naturale che in quella fase della vita, gli insegnamenti dei genitori vengano messi in discussione: non vanno più a Messa, qualche volta assumono posizioni dure contro il prossimo... Ci chiediamo come saranno da adulti, e se abbiamo fatto il possibile per educarli alla nostra visione del mondo.

Gianmario e Irene

«Siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti». Così la celeberrima poesia di Gibran sui figli descrive i genitori: un semplice strumento in mano all’Arciere per scagliarli nella vita. In modo simbolico, egli esprime il compito dei genitori: mettere in grado i figli di fare fronte alla loro vita, offrendo loro i mezzi affinché possano realizzare la propria autonomia. Non solo i mezzi materiali, ma anche quelli psichici, intellettuali e spirituali. A quest’ultimo dominio appartengono i valori che proponiamo ai nostri figli, non perché debbano metterli in pratica come abbiamo fatto noi, ma perché saranno poi loro a reinterpretarli nelle loro vite. Sono valori umani e insieme cristiani. In primo luogo, il valore dell’amore che è la base del messaggio evangelico, la “buona notizia” di Gesù. È fondamentalmente il riferimento a una Parola che si è fatta carne. Non a una sommatoria di precetti e di affermazioni, magari anche belli e validi, enunciati in astratto. Ma all’amore di Dio che ha preso la forma di un uomo, che ci ha lasciato il suo Vangelo. Quello stesso Dio al quale, per chi è credente, appartengono i figli, e al quale li affidiamo, sia da piccoli che da grandi. Dopo di lui, essi appartengono a sé stessi. A noi, solo in terza battuta. Noi li educhiamo attraverso le nostre parole e le nostre azioni. Le une senza le altre oggi sono inefficaci: i nostri comportamenti ci rendono credibili, le nostre parole alimentano il pensiero dei figli. Chiediamo ai giovani che questo nostro patrimonio di idee e di gesti venga rispettato; forse potrà essere accolto, più spesso verrà fatto proprio dai nostri ragazzi in un modo nuovo. È lo spazio della loro libertà e della loro coscienza. Ai genitori che vedono che i loro figli mettono in discussione, anche in modo radicale, gli insegnamenti ricevuti, vorrei suggerire di non temere. Ciò che è in gioco è soprattutto la relazione che hanno loro. Un rapporto tanto più fecondo quanto più lascia spazio a entrambi di ascoltarsi e di imparare reciprocamente. La diversa posizione degli adolescenti diventa per noi adulti occasione di riflessione e di rilettura di quei valori che magari davamo per scontati.

Tag:
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo