Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 
il sesto rapporto
 

Difendiamo i diritti di chi abita, cura e custodisce la terra per il bene comune

18/10/2023  Presentato alla Camera dei deputati, "I padroni della terra. Rapporto sull'accaparramento della terra 2023: conseguenze sui diritti umani, ambiente e migrazioni", ideato e redatto da Focsiv

La terra, soprattutto quella fertile, e l'acqua pulita non sono disponibili per tutti per sempre. Sono risorse in via di esaurimento, destinate a non riuscire a soddisfare più le esigenze vitali della popolazione del pianeta. Negli ultimi vent'anni 114,8 milioni di ettari di terra sono stati accaparrati. Solo lo scorso anno questo dato è aumentato di 26,1 milioni di ettari, a danno delle comunità locali, dei contadini e dei popoli nativi. I dati emergono dai rilevamenti dello scorso aprile della banca dati di Land Matrix, il sito che raccoglie informazioni sui contratti di cessione e affitto di grandi estensioni di terra.

A lanciare drammaticamente l'allarme è "I padroni della Terra. Rapporto sull'accaparramento della terra 2023: conseguenze sui diritti umani, ambiente e migrazioni", giunto alla sesta edizione, ideato e redatto da Focsiv – Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontariato, nell’ambito di "Abbiamo riso per una cosa seria", la storica campagna della Federazione volta a sostenere l’agricoltura familiare e il diritto al cibo sano e di qualità per tutti.

Il Rapporto, presentato alla Camera dei deputati su iniziativa del deputato Bruno Tabacci,  denuncia ancora una volta il continuo conflitto tra grandi interessi economici e politici e il diritto alla terra di chi la abita, la cura, la custodisce per il bene comune. Un bene comune che il land grabbing, l'accaparramento delle terre, mette in serio pericolo. n modo particolare, evidenzia come il conflitto in Ucraina - che va avanti senza sosta ormai da quasi due anni - ha pesantemente inciso sugli equilibri alimentari mondiali, in un mondo nel quale i Paesi più poveri sono fortemente dipendenti, dal punto di vista alimentare, da quelli occidentali ed emergenti, trasformando il cibo - il grano in primis - in un'arma di guerra, provocando un forte aumento dei prezzi delle materie prime, incentivando la competizione delle grandi potenze e dei blocchi geopolitici per l'accaparramento delle terre e per il controllo, lo sfruttamento, la lavorazione e la distribuzione delle risorse, con conseguenze devastanti sui diritti umani delle comunità contadine ed indigene e sull’ambiente. Il fenomeno dell'accaparramento delle terre riguarda, in primo luogo, l'Africa, seguita da America latina, Europa orientale e Asia.  

La terra, bene di tutti, non può essere mercificata e sfruttata senza limiti, è l'appello di Focsiv con la campagna "Abbiamo riso per una cosa seria" (www.abbiamorisoperunacosaseria.it). Anche il Rapporto “I padroni della Terra 2023” è dedicato alle 401 persone paladine dei diritti umani e dell’ambiente, uccise in 26 Paesi per essersi opposte alla devastazione e all’inquinamento su grande scala di foreste, terra e acqua. Persone che hanno dedicato la loro vita allla difesa del diritto di ogni persona di non essere sfruttata o emarginata e di poter vivere in un ambiente salubre e sostenibile.

(Nella foto Reuters, nativi in Brasile in protesta nel 2022 contro l'allora presidente Bolsonaro e la proposta di legge che, se fosse stata approvata, avrebbe permesso le attività minerarie nei territori indigeni

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo