Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 
l'italia in fiamme
 

«I piromani sono assassini ambientali»

12/08/2021  Il durissimo documento della Conferenza episcopale calabrese sugli incendi che stanno devastando la regione e che hanno causato quattro vittime. «Il Signore fermi la mano di questi sciagurati»

di Antonio Anastasi

I piromani? “Assassini ambientali”. Non ha dubbi la Conferenza episcopale Calabra, il cui monito arriva nel giorno dei 110 incendi che stanno devastando la regione. Un monito riassumibile in questi termini: “ricorrere agli incendi è del tutto estraneo ad ogni etica umana e cristiana”, ma le istituzioni possono e devono fare di più per fermare il fuoco anche attraverso azioni di sensibilizzazione per una coscienza collettiva più attenta e diffusa. A esprimere la posizione dei vescovi calabresi è monsignor Vincenzo Bertolone, arcivescovo di Catanzaro e Squillace, che proprio di recente nella nota “Vita buona della regione” lamentava la “svendita della nostra terra”, ma ora il Sud Italia e la Calabria bruciano di nuovo e quasi sempre tutto parte dalla mano perversa dell'uomo. In una settimana sono stati quattro i morti, il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, ha chiesto lo stato d'emnergenza e ha parlato di “sciacalli”, è arrivata la Protezione civile e dalle altre regioni sono giunti 130 vigili del fuoco ma di ora in ora il bilancio diventa più drammatico.

L'Aspromonte continua a bruciare, a Catanzaro la pineta di Siano non esiste più e si valuta l'evacuazione dal carcere, l'aria è irrespirabile perfino intorno al santuario di Polsi rimasto isolato ed è impossibile arrivarci per i pellegrini. L'ultima vittima è un pensionato di Grotteria, nella Locride, dove un anziano, Mario Zavaglia, è morto arso dalle fiamme in seguito al crollo di una casa rurale provocato da un incendio boschivo. Grave la situazione anche nell'area grecanica reggina, dove un disperso alla fine è stato ritrovato cadavere, a Cardeto, e quattro persone ustionate dalle fiamme sono state trasferite all'Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria. Ma la triste serie era inziata a San Lorenzo dove zia e nipote sono morti nel tentativo di proteggere dalle fiamme un uliveto. “Il Signore fermi la mano degli sciagurati piromani – dice monsignor Bertolone – e dia forza a tutti coloro che stanno lavorando per frenare il disastro”. Il suo dito è puntato contro “certi atteggiamenti di sufficienza, e talvolta di strafottenza, di alcuni cittadini. Da qui – dice ancora – la necessità di una coscienza collettiva ma anche di una più incisiva azione delle istituzioni, ad ogni livello, perché prevenzione e monitoraggio possano diventare barriera sempre più alta a difesa dei continui attacchi”.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo