logo san paolo
mercoledì 12 maggio 2021
 
 

I poveri? Mezzo miliardo in meno

01/02/2011  La stima è frutto degli studi di due ricercatori del Brookings Institute di Washington e si riferisce al periodo tra il 2005 e il 2010. "Entro il 2015 i poveri diminuiranno ancora".

Bambini giocano nello slum di Makoko, nella periferia povera di Lagos, in Nigeria (foto di Sunday Alamba/Ap).
Bambini giocano nello slum di Makoko, nella periferia povera di Lagos, in Nigeria (foto di Sunday Alamba/Ap).

Quasi mezzo miliardo di persone sono uscite dalla povertà tra 2005 e 2010, una cifra storicamente mai raggiunta prima in un lasso di tempo così breve: lo afferma un rapporto pubblicato da Laurence Chandy e Geoffrey Getz del Brookings Institute, istituto indipendente di ricerca con base negli Stati Unit, per la precisione a Washington D.C. I due ricercatori giungono a questa conclusione grazie a un aggiornamento delle stime sulla povertà globale. La loro ricerca li porta anche a concludere che l’obbiettivo del Millennio definito dall’Onu di dimezzare il numero di poveri entro il 2015 è stato raggiunto nel 2007. Di conseguenza, affermano i due, entro il 2015 il numero dei poveri sarà stato dimezzato ancora una volta, per raggiungere il 10% della popolazione mondiale, ovvero 600 milioni di persone che vivono con meno di 1,25 dollari al giorno. 

    Una riduzione drastica che, si legge nel rapporto, deriva soprattutto dal miglioramento delle condizioni di vita in Cina e India, le quali contribuirebbero al 75% della riduzione globale prevista per il 2015. I poveri presenti in Asia diventerebbero così soltanto un terzo del totale, mentre la quota dell’Africa passarebbe dal 28% al 60%. Ciononostante, la quota di poveri presenti nell’Africa sub sahariana è stata comunque ridotta a meno del 50%, e si prevede da qui al 2015 un’ulteriore diminuzione fino al 40%. È previsto poi un incremento del numero di poveri negli Stati più fragili: se nel 2005 questi ospitavano il 20% dei poveri globali, per il 2015 la quota prevista è del 50%. Il numero di Paesi dove più di una persona su sei vive in povertà dovrebbe scendere da 60 a 35, mentre si prevede che 19 Paesi elimineranno definitivamente la povertà.

    «Anche se questi risultati possono suonare come una sorpresa per molti, non dovrebbe essere così»,  affermano i ricercatori,  «in quanto vi è stata una forte crescita nei Paesi in via di sviluppo dall’inizio del nuovo millennio, rendendo una forte riduzione la povertà sicuramente prevedibile». Tranne poche eccezioni – fanno  però notare gli autori della ricerca – la comunità internazionale è stata lento a reagire al fenomeno. «Si sente parlare molto di più dei  64 milioni di persone gettate in stato di povertà a causa della crisi economica che non delle centinaia di milioni che sono sfuggite alla miseria negli ultimi sei anni. È certamente giusto mantenere alta l’attenzione su questi temi, ma non bisogna dimenticare che ci sono anche motivi per gioire dei progressi fatti».

     In ogni caso, nel sito del Brookings Institute è segnalata anche un'altra ricerca che lascia sbigottiti: negli Stati Uniti d'America il tasso dei bambini in povertà cresce ancora. Nel 2010 dovrebbe essere salito al 21,3 per cento (era il 20 per cento nel 2009). Non è un fenomeno omogeneo. Colpisce soprattutto 26 Stati (sui 52 che in totale danno vita agli Usa) nella fascia centro-meridionale del Paese.

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%