Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
Il coraggio nella malattia
 

I ragazzi dell'Istituto tumori sfidano Fedez a suon di... palle di Natale

27/12/2017  Dopo che il rapper ha scritto una canzone con lo stesso titolo di quella diffusa nel web lo scorso Natale e diventata virale, i pazienti del Progetto giovani hanno lanciato una sfida al cantante

Palle di Natale: un video, una canzone, oltre dieci milioni di visualizzazione su Youtube. È stata l’impresa di un gruppo di ragazzi malati  che fanno parte del Progetto giovani della pediatria oncologica dell’Istituto dei tumori di Milano  diretta da Maura Massimino.  E ora che anche Fedez esce con una canzone natalizia a favore dell'associazione “Noi per gli Animali Onlus” dal titolo Palle di natale. i ragazzi, orgogliosi e battaglieri, non ci stanno e accusano il rapper di averli copiati. Ma invece di passare alle vie legali lanciano una sfida:  «Fedez, vieni a cantare con noi e vediamo quali sono le migliori “Palle di Natale”». Il Progetto giovani coinvolge  alcune decine di ragazzi o ricoverati o che tornano all’ospedale per cicli di cure.  Ma ci sono anche quelli che guariti che condividono con altri coetanei la loro esperienza. Hanno dai 15 anni in avanti e i loro tumori richiedono terapie mirate che sono all’interno dell’unità pediatrica si riescono a  garantire. Per sostenere il loro processo di guarigione e garantire loro una dimensione di normalità malgrado la malattia grazie al sostegno dell’Associazione Garavaglia da qualche anno è nato questo Progetto che li ha portati a realizzare varie iniziative,tra cui quest’anno un fumetto, Loop – indietro non si torna, da loro scritto e edito da Rizzoli Lizard. Lo scorso Natale erano stati gli interpreti della canzone e del relativo video Palle di Natale (Smile! It’s Christmas day), che è diventato in breve virale. E quest’anno in molte scuole la canzone è stata scelta per essere eseguita durante la tradizionale recita scolastica natalizia. Le palle a cui facevano riferimento erano le teste rotonde e pelate a causa della chemioterapia, la noia per le lunghe terapie, le bugie che spesso si raccontano ai malati, oltre che naturalmente gli addobbi dell’albero e le palle di neve. Nella canzone i ragazzi rivendicano il diritto di avere un Natale normale senza rinunciare anche all’autorionia. «Passami il tubo della flebo per fare gli addobbi, / le lucine non servono bastano i tuoi occhi / che illuminati di speranze illuminano le stanze / e nei globuli bianchi vedono la neve a fiocchi. / Dunque il ragazzo scarta il nastro di cerotti e bende / Altrimenti poi il Natale chi ce lo difende!». La malattia non li scoraggia, anzi più agguerriti che mai sfidano Fedez: ora la “palla” spetta a lui!

Multimedia
Il tormentone dell'estate dei ragazzi dell'Istituto tumori
Correlati
I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo