Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
napoli
 

I tesori di Scampia: un'edizione di pregio dei Vangeli

15/05/2024  Un’edizione limitata, elegante e curata in ogni particolare, la cui vendita servirà a realizzare una biblioteca nell’Istituto comprensivo “Eugenio Montale” del quartiere di Napoli

Il Vangelo stampato a Scampia.
Il Vangelo stampato a Scampia.

di Ignazio Riccio

Rosario Esposito La Rossa è un sognatore e come ogni persona dotata di una visione di qualità superiore è capace di anticipare ciò che ancora non c’è, ma vale la pena di realizzare. In poco più di dieci anni di attività lo scrittore, editore e libraio, a soli 35 anni, è riuscito ad acquisire le case editrici Marotta&Cafiero e Coppola editore e a lanciare, insieme al direttore editoriale Giovanni Salomone, Garrincha edizioni. Fino a oggi ha già pubblicato quasi trecento libri.

Tutto ciò è stato realizzato a Scampia, periferia “scomoda” di Napoli, dove non sono in molti a sognare, sopraffatti dal problema quotidiano di vivere un’esistenza difficile. Il quartiere della città partenopea, fin dai primi anni Ottanta, è noto per la fiorente attività illegale dello spaccio di droga. La camorra, da sempre, è presente in zona ed è la principale causa del freno allo sviluppo sociale ed economico del quartiere.

In questa specie di inferno sulla Terra, però, qualcuno ha imboccato altre strade, seguendo la lezione che lo scrittore Italo Calvino ha impartito nell’opera Le città invisibili. La Rossa e sua moglie, Maddalena Stornaiuolo, attrice nota per aver interpretato la serie televisiva Mare fuori, sono tra coloro che hanno saputo riconoscere chi e che cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno e gli hanno dato valore.

Grazie a loro, a Scampia si “spacciano” anche i libri oltre alle sostanze stupefacenti, un germe positivo gettato con coraggio e passione come sfida contro il degrado sociale e culturale. Marotta&Cafiero e Coppola editore hanno pubblicato scrittori del calibro di Stephen King, Daniel Pennac, il Premio Nobel Gunter Grass, Raffaele La Capria e Osvaldo Soriano.

L’ultima idea realizzata è quella di ristampare i quattro Vangeli. Un’edizione limitata, elegante e curata in ogni particolare, la cui vendita servirà a realizzare una biblioteca nell’Istituto comprensivo “Eugenio Montale” di Scampia. All'interno sono state inserite le illustrazioni di uno dei più grandi type-designer di tutti i tempi, l'inglese Eric Gill. Il Vangelo, poi, è racchiuso in un pregiato cofanetto realizzato a mano dal maestro legatore napoletano Armando Tonti.

«Si tratta di un messaggio cristiano, che è alla base del nostro stare insieme, nonostante ospitiamo persone con idee e convincimenti diversi. Le copie, pubblicate a Pasqua, sono quasi esaurite». Lo stare insieme evidenziato da Rosario La Rossa si traduce nella Scugnizzeria, la libreria che racchiude l’ambiziosa visione del riscatto del quartiere.

«Attorno alla libreria gira il mondo di Scampia. Il nostro obiettivo è quello di strappare braccia alla camorra, impegnando i ragazzi in attività legali, dando loro la possibilità di inserirsi in un ambiente sano. Abbiamo stipulato un protocollo d’intesa con il Tribunale dei minori per offrire ai giovani che hanno scelto la strada sbagliata percorsi di inserimento lavorativo».

Negli occhi dell’editore, nominato nel 2016 dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, si leggono orgoglio e soddisfazione. Mentre parla ci tiene a far vedere i progressi raggiunti.

«Abbiamo acquistato macchinari per stampare libri. Da poco è arrivato il pezzo più pregiato, che ci permette di produrre in proprio i volumi. L'abbiamo chiamato Ninetta, come mia nonna, che dal vico Zuroli di Forcella si trasferì a Scampia nel 1977. Oggi non siamo più una casa editrice, non siamo più una libreria, non siamo una tipografia, siamo una book farm, siamo quello che vidi oltre quindici anni fa in Germania, a Bochum, nella Ruhr: il Buchzentrum. Uno spazio dove i libri prima si sognano e poi si realizzano».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo