Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
Libertà di scelta delle famiglie
 

I vescovi: «Le scuole paritarie sono un patrimonio di passione educativa»

07/11/2015  Dal Veneto, dove due bambini su tre frequentano le scuole paritarie dell'infanzia, un appello della Cet (Conferenza episcopale del Triveneto) a favore di questi istituti. La diminuzione dei finanziamenti statali li mette a rischio chiusura. Per questo si chiede ai politici di salvaguardare il diritto di scelta di ogni famiglia.

In Veneto 2 bambini su 3 frequentano le scuole paritarie dell'infanzia, mentre la formazione professionale continua a costituire un argine efficacissimo alla dispersione scolastica e un valido inserimento nel mondo del lavoro (oltre il 70% viene collocato entro un anno). In media, uno studente delle scuole paritarie “costa” 10 volte di meno rispetto ad uno studente delle scuole statali.

Riporta i dati la lettera-appello che i Vescovi della Conferenza Episcopale Triveneta, firmata in primis dal presidente, nonché Patriarca di Venezia, Francesco Moraglia, hanno trasmesso a deputati e senatori eletti nel Veneto e ad altre personalità regionali con compiti politici e di governo. Le scuole paritarie - si legge nella lettera redatta dopo un confronto con i rappresentanti delle associazioni scolastiche - rappresentano «un patrimonio ingente di passione educativa, competenze, servizi alla famiglia e lavoro per tante persone. Un patrimonio pubblico, aperto e offerto a tutti, senza alcuna distinzione». Sono la «ridottissima previsione di spesa e di investimenti, a favore del settore, emergente dalla legge di stabilità appena varata dal governo nazionale - ora sottoposta alla valutazione del Parlamento -, e le paventate ulteriori diminuzioni di finanziamenti da parte degli Enti locali», a preoccupare i prelati. Il futuro è a rischio.
 
Eppure, le scuole paritarie «sono una presenza viva e capillare, popolarissima e molto radicata sul territorio, una risorsa preziosissima e indispensabile per le famiglie, anche e soprattutto per quelle maggiormente colpite da crisi, fragilità e disagio. Queste scuole garantiscono non solo un servizio educativo e formativo, ma un vero e proprio servizio "sociale", fatto di accoglienza e disponibilità quotidiana, reale coesione ed integrazione». Inoltre, «sarebbe una negazione del principio di sussidiarietà e anche di sana concorrenza, se molte realtà - come di fatto sta già avvenendo - fossero costrette a chiudere (...). Non è così difficile immaginare il disagio enorme - e il comprensibile risentimento - di famiglie che si trovassero prive dell'unico asilo nido o dell'unica scuola dell'infanzia presenti nel comune o nella frazione di residenza».

Da qui, l'appello accorato ai politici: «Ci permettiamo di invitarvi ad avere sempre più a cuore questa causa e vi sollecitiamo ad attivarvi con urgenza e con decisione per non far mancare alle scuole paritarie e della formazione professionale le risorse oggi più che mai necessarie e vitali per garantirne la sopravvivenza e l’esistenza futura, attuando la piena ed effettiva parità scolastica, nonché il rispetto del diritto alla libertà di scelta educativa, sancito dalla Costituzione italiana». La lettera chiude con una certezza: «Senza le scuole paritarie il Veneto e il nostro Paese rischiano di perdere moltissimo: un pezzo della loro identità popolare e un tesoro autentico di bene comune per tutta la nostra gente».

I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo