Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 aprile 2024
 
 

I videogiochi sono strumenti notevoli

30/06/2013  I videogame permettono di immergersi in mondi e in storie. Parlano un linguaggio interattivo che è tipico dell’era digitale e sollecita la partecipazione, trasformando il percorso di apprendimento nell’esplorazione di un territorio.

Prima di consentire l’uso di un videogioco è importante conoscere l’età consigliata indicata in copertina. Molti adolescenti e bambini oggi giocano con opere destinate ai maggiori di 18 anni, e questo non è opportuno, tantomeno se i giochi vengono facilmente “scaricati” da internet.
Anche nel caso in cui il gioco sia consigliato per l’età del figlio, i genitori dovrebbero conoscerne il clima, se non i contenuti: parecchi giochi obbediscono a visioni del mondo e diffondono modelli che potrebbero non coincidere con i propri. Quel che non dovrebbe mai accadere, a nessuna età, è che i videogiochi vengano usati come “area di parcheggio”.

Mentre giocano i figli sono silenziosi, ma non è una buona ragione per lasciarglielo fare senza limiti. Al contrario, quello del limite è forse il principale insegnamento che si può impartire: con l’esempio in proprio (papà e mamma non razzolano male), ma anche con suggerimenti e con decisioni nette. Non è ovviamente soltanto una questione di videogiochi, ma di un equilibrio complessivo fra tutte le attività  della giornata: anche leggere per troppe ore al giorno può essere dannoso, se significa isolarsi e non avere amici. E quindi: tempi ben definiti, no ai pomeriggi interi davanti allo schermo e al controller. 

I videogiochi fanno bene o male? Non si può fare di ogni erba un fascio: così come i film e i libri, i giochi vanno valutati uno per uno.

 Sono convinto che, se si rispettano i criteri elencati, i videogame sono strumenti notevoli per immergersi in mondi e in storie. Parlano un linguaggio interattivo che è tipico dell’era digitale e sollecita la partecipazione, trasformando il percorso di apprendimento nell’esplorazione di un territorio. I nuovi terminali a schermo tattile, diffusi in smartphone e tablet, hanno reso facile apprendere questo linguaggio fin dall’età più tenera. Ci sono opere pensate per aiutare l’apprendimento, così come per sollecitare la cooperazione: giocare insieme è una grande esperienza nel mondo digitale come in quello fisico. In conclusione, per papà e mamma il principe dei criteri è quello di sempre: fare la fatica di essere presenti, di voler capire, accompagnare i figli in qualsiasi esplorazione, aiutarli a stabilire e – quando è il caso – a oltrepassare i confini.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo