Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
la riflessione
 

«Noi cattolici in piazza a Roma per dire che non c’è pace senza diritti»

07/10/2023  Mentre in Israele, dopo l'attacco di Hamas, tornano a soffiare venti di guerra, a Roma oggi pomeriggio si scende in piazza per la «La via maestra, insieme per la Costituzione», la manifestazione organizzata dalla Cgil e oltre cento associazioni, laiche e cattoliche, tra cui Libera di don Ciotti, Pax Christi, Comunità Papa Giovanni XXIII, le Acli, l’Agesci. La riflessione di Francesco Vignarca, coordinatore della Rete italiana per la pace e il disarmo, sul senso di questa manifestazione e la mobilitazione dei cattolici nel solco del magistero dei Papi

Francesco Vignarca, coordinatore della Rete italiana per la pace e il disarmo
Francesco Vignarca, coordinatore della Rete italiana per la pace e il disarmo

«La via maestra, insieme per la Costituzione». È il titolo della manifestazione organizzata per sabato, 7 ottobre a Roma dalla Cgil e oltre cento associazioni, laiche e cattoliche, tra cui Libera, Pax Christi, Comunità Papa Giovanni XXIII, le Acli, l’Agesci.

Due i cortei che partiranno alle ore 13,30 da piazza della Repubblica e da piazzale dei Partigiani per arrivare a piazza San Giovanni, dove dalle ore 15 si susseguiranno circa quindici interventi dal palco di alcune delle associazioni promotrici. Alle ore 17 circa prenderà la parola il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, che chiuderà la manifestazione. Tra gli interventi previsti sul palco, i rappresentanti delle associazioni ambientaliste, di Europe for peace, il presidente delle Acli Emiliano Manfredonia, dell'Anpi Gianfranco Pagliarulo, il sindaco di Pesaro e presidente di Ali (Lega autonomie locali) Matteo Ricci, gli studenti e anche Rosy Bindi, don Luigi Ciotti e Gustavo Zagrebelsky.

La riflessione di Francesco Vignarca, coordinatore della Rete italiana per la pace e il disarmo, sul senso di questa manifestazione e la mobilitazione dei cattolici.

Due cortei e poi tutti in piazza San Giovanni in Laterano: sabato 7 ottobre la società civile si ritrova a Roma per celebrare insieme la “via maestra” della Costituzione.

È un momento pensato per ricordare come siano l’istruzione, i salari, l’ambiente, la democrazia, la salute, il lavoro e ovviamente la pace (questi i focus tematici scelti dagli organizzatori) a rendere possibile una vita sociale armoniosa.

La pace, infatti, è la somma di tutti questi diritti fondamentali che, proprio perché sanciti dalla Costituzione, devono tornare a essere pienamente riconosciuti e resi concretamente esigibili ovunque, nel Paese, da Nord a Sud, dalle grandi città alle periferie.

Siamo in piena linea con la definizione del sociologo norvegese Johan Galtung di “pace positiva”, un processo continuativo e creativo di integrazione della società umana che non si limita alla mera assenza di conflitto, ma cerca di costruire dei percorsi che possano favorire la piena realizzazione di tutte le persone. Alcuni di questi sono già in essere, grazie al contributo e alla partecipazione di molte organizzazioni, in particolare le realtà del mondo cristiano, a partire dall’universo cattolico.

Tutti pezzi di un grande “mosaico di pace”: le azioni per la legalità di Libera, l’impegno per la nonviolenza di Pax Christi, l’esperienza dei Corpi civili di pace della Comunità Papa Giovanni XXIII, l’impegno sociale delle Acli, la spinta educativa e comunitaria dell’Agesci...

Tanti altri potrebbero essere gli esempi di un connubio fecondo e innovativo che vuole assolvere all’articolo 52 della Costituzione (la difesa della Patria come “sacro” dovere), declinandolo alla luce dell’articolo 11 che sancisce il ripudio della guerra. Costruire la pace non vuol dire solo far tacere le armi.

San Paolo VI scrisse nella Populorum progressio (1967) che «sviluppo è il nuovo nome della pace», sigillo di quanto detto da san Giovanni XXIII nella Pacem in terris (1963): «La guerra è una follia (alienum est a ratione)».

A Roma, il 7 ottobre, lo ribadiscono insieme credenti e non, nella «convivialità delle differenze» cara a don Tonino Bello.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo