logo san paolo
martedì 28 giugno 2022
 
UNIONI CIVILI
 

Il cardinale Bagnasco: «Voto segreto». Il Governo: «Decide Grasso»

11/02/2016  «Ci auguriamo che il dibattito in Parlamento sia ampiamente democratico, che tutti possano esprimersi, che le loro obiezioni possano essere considerate e che la libertà di coscienza sia, non solo rispettata, ma anche promossa con una votazione a scrutinio segreto», ha detto il presidente dei vescovi italiani. Il Governo: «Decide il presidente del Senato». I Pd Patriarca e Preziosi difendono Bagnasco.

Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana. Foto Ansa. In alto: l'aula del Senato durante l'esame del ddl Cirinnà sulle unioni civili, mercoledì 10 febbraio 2016. Foto Ansa.
Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana. Foto Ansa. In alto: l'aula del Senato durante l'esame del ddl Cirinnà sulle unioni civili, mercoledì 10 febbraio 2016. Foto Ansa.

 

Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana (Cei), ha chiesto questa sera venerdì 11 febbraio il voto segreto sul decreto legge Cirinnà sulle Unioni civili in discussione tra polemiche e bagarre al Senato: «Ci auguriamo che il dibattito in Parlamento e nelle varie sedi istituzionali sia ampiamente democratico, che tutti possano esprimersi, che le loro obiezioni possano essere considerate e che la libertà di coscienza su temi fondamentali per la vita della società e delle persone sia, non solo rispettata, ma anche promossa con una votazione a scrutinio segreto». Il cardinale ha parlato a margine della Messa celebrata a Genova per la giornata del Malato, commentando l'iter del ddl Cirinnà.

Il presidente del Senato, Pietro Grasso. Foto Ansa.
Il presidente del Senato, Pietro Grasso. Foto Ansa.

Il Governo ha subito risposto, attraverso il Sottosegretario ai rapporti con il Parlamento Luciano Pizzetti (Pd): «Le esortazioni sono giuste e condivisibili, ma come regolare il dibattito del Senato lo decide il presidente del Senato. Non il presidente della Cei». Le parole del presidente della Cei hanno suscitato immediate reazioni soprattutto nel Pd. Il deputato Edo Patriarca, dei cattolici dem ha ammonito: “Basta con le contrapposizioni, la Chiesa e il cardinale Bagnasco hanno il diritto di esprimere la propria posizione”. Patriarca ha poi aggiunto che “il confronto nasce solo se ognuno può esprimere la propria opinione, solo così avremo leggi che non provocano strappi”. Anche l’onorevole Ernesto Preziosi, cattolico del Pd, promotore dell'appello di 40 deputati del Pd per lo stralcio della stepchild adoption dal ddl Cirinnà sulle unioni civili, si è schierato con Bagnasco: «Ha ragione: la libertà di coscienza non è un optional ed è garantita dalla Costituzionale ai parlamentari, specie su temi delicati. Spero che sia rispettata e che anzi si faccia ogni sforzo per raggiungere una posizione ampiamente condivisa». Ma la polemica nel Pd non tende a raffreddarsi. Il senatore Sergio Lo Giudice, tra i principali sostenitori del ddl sulle unioni civili spiega che «i vertici della Chiesa hanno tutto il diritto di intervenire del dibattito pubblico ed esprimere una posizioni sui contenuti” delle leggi ma “intervenire sul calendario e sulle procedure di voto merita a pieno titolo la patente di un'ingerenza negli affari dello Stato che non dovrebbe competere alla Conferenza episcopale».

I vostri commenti
54

Stai visualizzando  dei 54 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo