logo san paolo
mercoledì 25 maggio 2022
 
dossier
 

«Boko Haram è un veleno, spetta all’islam debellarlo»

16/02/2015  Il cardinale nigeriano John Olorunfemi Onaiyekan, arcivescovo di Abuja, non ha dubbi: «Il mondo musulmano deve riconoscere con realismo questo problema che si nutre anche di certi insegnamenti nelle madrasse e nelle moschee profondamente intolleranti verso le altre religioni». Sul governo nigeriano: «È debole e non vuole combattere questi terroristi. Le risorse ci sono ma vengono sprecate a causa della corruzione»

«Boko Haram è un problema islamico. Ho detto ai miei amici imam che loro devono accettare di essere responsabili di questa gente che uccide in nome di Allah. All’inizio i leader musulmani dicevano che non c’entravano niente con loro, perché erano solo assassini, erano solo terroristi ma non islamici. Invece alla base c’è un’ideologia religiosa nata all’interno del mondo musulmano». Non si fa illusioni, il cardinale John Olorunfemi Onaiyekan. Dal 1994 è arcivescovo metropolita di Abuja, la capitale della Nigeria. Nel 2012 ha ricevuto il premio Pax Christi International per il suo impegno a favore del dialogo interreligioso tra cristiani e musulmani. Dopo aver fatto tappa ad Amman, in Giordania, è arrivato a Milano invitato dal cardinale Angelo Scola nell'ambito del progetto "Evangelizzare le grandi metropoli oggi". Il tema è quasi d'obbligo: Boko Haram, il gruppo terroristico che dal 2009 devasta il Nordest del Paese, con sconfinamenti ora anche in Camerun e Ciad, per imporre il Califfato islamico.  

Eminenza, chi sono i Boko Haram?
«Il loro nome, oltre a quello più noto “tutto ciò che è occidentale è peccato”, si traduce così: “organizzazione dei sunniti per il Jihad”. Tra di loro c'è tanta gente che ha finito l'università e molti sono andati in Iraq per essere addestrati e imparare a combattere. Sanno usare molto bene Internet e i social network, tutti strumenti occidentali. Boko Haram fa parte dell'internazionale islamica del terrore che vediamo all'opera dall'Iraq alla Siria fino alla Libia».

Perché afferma che è un problema islamico?

«I Boko Haram sono solo una minoranza all'interno della comunità islamica nigeriana, però molto pericolosa. Sono come il veleno. Basta una piccolissima quantità per distruggere tutto. La stragrande maggioranza dei musulmani nigeriani non è d'accordo con quello che fanno però devono mantenere i rapporti con loro e riconoscere questo problema».

Il cardinale Onaiyekan con l'arcivescovo di Milano Angelo Scola in occasione dell'incontro con il clero ambrosiano
Il cardinale Onaiyekan con l'arcivescovo di Milano Angelo Scola in occasione dell'incontro con il clero ambrosiano

Sta cambiando qualcosa da questo punto di vista?  
«Ci sono state dichiarazioni di molti leader musulmani ad altissimo livello che hanno preso le distanze. Ripeto: se non cambia l'atteggiamento dei musulmani in generale il problema dei Boko Haram non sarà risolto. E poi, bisogna guardare cosa si insegna ai bambini all'interno di madrasse (le scuole coraniche, ndr) e moschee e quello che si veicola attraverso i media».

L’estremismo e la violenza nascono da lì?
«Qui tocchiamo un problema molto serio e complesso. In Nigeria, molti musulmani vengono educati a non rispettare le altre religioni e a considerare l’islam come l’unica religione giusta e pura, frutto degli insegnamenti del Profeta. La volontà di Allah, quindi, deve valere per tutta l’umanità. Se si insegna tutto ciò e i bambini crescono con quest’idea, è chiaro che si crea un terreno fertile per l’emergere di Boko Haram, dell’Isis o di Al Qaeda. Il problema, quindi, non sono solo i Boko Haram ma l’atteggiamento dei musulmani in generale, che non sempre rispettano le altre fedi. Come è emersa questa ideologia mondiale? Questo i musulmani devono chiederselo per porvi rimedio».  

I cristiani sono le prime vittime dei Boko Haram?
«Con tutta la mia responsabilità, dico che bisogna smetterla con questa storia che i cattolici nigeriani sono perseguitati dai musulmani. Non è vero. È importante la verità. La Nigeria non è solo una nazione islamica, il nostro presidente è cristiano, e il cinquanta per cento dei 160 milioni di nigeriani sono cristiani, non possiamo dire che siamo sotto persecuzione islamica. Se ci sono delle zone del Paese dove la chiesa locale vive enormi difficoltà, per esempio nel nord-est dove agisce Boko Haram che ha distrutto chiese, scuole, ma pure moschee e strutture governative, questo non significa che tutta la Nigeria è sotto persecuzione. I Boko Haram colpiscono non solo i cristiani ma anche i musulmani». 

Il rinvio a fine marzo delle elezioni presidenziali, previste il 14 febbraio, è una vittoria di Boko Haram?
«Il governo ha detto che il 14 febbraio avrebbe cominciato una grande azione per eliminare Boko Haram in sei settimane. A causa di ciò, quindi non ci sarebbero stati soldati a sufficienza per garantire la sicurezza, essendo impegnati nell’offensiva. Io mi chiedo: perché allora non l’hanno fatto prima? Sono anni che aspettiamo. Se in sei settimane il governo ritiene di sconfiggere Boko Haram perché hanno atteso tanto tempo? La settimana scorsa ho incontrato i responsabili delle forze armate nigeriane e mi hanno assicurato che era tutto pronto e che c’erano uomini a sufficienza per proteggere tutto il paese durante le elezioni».

Come mai il governo non ce la fa a combattere questi terroristi?
«Una delle ragioni principali è la corruzione. Sono stati stanziati migliaia e migliaia di dollari per comprare armi contro i Boko Haram e sono spariti tra i politici e i capoccia dell'esercito. Se ci fosse più onestà e meno corruzione, sarebbe più facile sconfiggerli. I soldati governativi hanno fame, non gli pagano i salari. Mentre Boko Haram tratta bene i propri soldati. La corruzione è una piaga. Quando si arriva a questo livello c'è sempre una grande opacità. L'unica cosa che sappiamo è che malgrado i soldi stanziati il problema rimane tale e quale, c'è qualcosa che non torna».  

I cristiani nel dilagare di questa corruzione hanno colpe?  
«Mi spiace dire che su questo in Nigeria non c'è differenza tra cristiani e musulmani. Ci sono tanti che si sforzano di essere onesti in mezzo al dilagare della corruzione e queste persone si trovano sia tra i cristiani che tra i musulmani».  

Che significa per la Nigeria avere un papa come Francesco che ha messo al primo posto il Sud del mondo.
«Francesco sta proseguendo nell’atteggiamento di apertura che abbiamo visto in san Giovanni Paolo II. Un atteggiamento fatto di grande fiducia verso la nostra chiesa e verso noi pastori. Per noi è molto incoraggiante. In Africa ci sono tante contraddizioni. Da un lato, abbiamo moltissime difficoltà, corruzione, violenza, malattie, povertà, dall'altra c'è una fede molto vivace, fatta di gioia, musica e danza, vocazioni  in crescita. La Nigeria è uno dei Paesi più religiosi del mondo ma secondo Transparency International è anche il più corrotto. Si tratta di una contraddizione enorme, da conciliare».

I vostri commenti
15

Stai visualizzando  dei 15 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo