logo san paolo
martedì 22 settembre 2020
 
TELEVISIONE
 

Che vergogna le parole della D'Eusanio

06/11/2013  Durante la trasmissione La vita in diretta la giornalista Alda D'Eusanio ha pronunciato delle parole offensive e inumane riguardo la disabilità di un ragazzo risvegliatosi dal coma. Imbarazzo della Rai e gelo tra il pubblico. Ma non bastano le scuse.

«Rivolgo un appello pubblico a mia mamma. Se dovesse accadermi quello che è accaduto a Max, mamma ti prego non fare come la mamma di Max. Quella non è vita (…) tornare in vita senza essere più libero, indipendente, soffrire avere quello sguardo vuoto, mi dispiace…». Queste parole, superficiali e offensive, sono state pronunciate da Alda D'Eusanio ospite alla trasmissione pomeridiana di Rai Uno La vita in diretta. La mamma in questione, la signora Lucrezia, è "colpevole" di aver curato e accudito suo figlio in coma vegetativo e col suo amore di aver contribuito al suo miglioramento.

In trasmissione si parlava di risvegli dal coma ed erano presenti Mario della Torre, Laura Avalle per raccontare la loro esperienza e Marco Cesati Cassin per presentare il libro “I guardiani della soglia”.
E' arrivato però, solo verso la fine, il turno di Max Tresoldi in collegamento da Carugate con la sua famiglia e i suoi amici. Una storia esemplare ma tenuta sullo sfondo e raccontata con troppa frettolosità. Il giovane che si è svegliato dopo 10 anni di coma, è in sedia a rotelle, ha ancora molte difficoltà ma è vivo e comunica con i suoi genitori. Ha vicino una mamma, un papà e una comunità che non lo hanno abbandonato, che per anni hanno sperato in una sua ripresa, e che continuano a stargli accanto in questo suo difficile percorso di recupero.

Le parole della D'Eusanio, pronunciate con la famiglia Tresoldi in collegamento, accolte con apparente  imbarazzo e sorpresa dei conduttori, Paola Perego e Franco Di Mare, e con il gelo del pubblico, sono state uno schiaffo in faccia a quelle persone riunite a Carugate. L'unica risposta, oltre alle inutili scuse in diretta della Rai, è quella che ha dato ancora una volta mamma Lucrezia: «Voglio dire a quella signora che io non ho riportato in vita mio figlio, mio figlio è sempre stato in vita. E la sua vita è bella così com’è».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%