Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
LE NOSTRE INIZIATIVE
 

Il Concilio, «porta sul futuro»: dossier di Famiglia Cristiana con Bettazzi, Riccardi e Semeraro

07/10/2022  Nel numero in edicola da giovedì 6 Ottobre, 16 pagine dedicate alla "Pentecoste" che rivoluzionò la Chiesa, a 60 anni esatti dalla sua apertura, avvenuta l'11 ottobre 1962. All'evento è dedicato anche un'ampia parte dei Colloqui col padre, la rubrica curata dal direttore, don Stefano Stimamiglio. I ricordi dell'ultimo padre conciliare italiano vivente, monsignor Luigi Bettazzi, l'analisi dello storico Andre Riccardi, eredità e prospettive nella riflessione del cardinale Marcello Semeraro, prefetto del Dicastero delle cause dei santi, accanto a papa Francesco nel cammino di riforma.

«A 60 anni dal Vaticano II quel Concilio ancora ci precede. Abbiamo capito poco, ancora troppo poco del Vangelo». Nel numero da domani in edicola lo scrive don Stefano Stimamiglio, direttore di Famiglia Cristiana, ricordando quella “Pentecoste” che rinnovò la Chiesa, alla cui apertura, avvenuta l’11 ottobre 1962, il settimanale cattolico dedica parte dei colloqui coi lettori e un dossier centrale di 16 pagine.

«Io c’ero», ricorda monsignor Luigi Bettazzi, vescovo emerito di Ivrea ed ex presidente nazionale di Pax Christi, prossimo a compiere 99 anni (li festeggia il 26 novembre), ultimo padre conciliare italiano ancora vivente. Bettazzi racconta tra l’altro come fu vissuta l’ultima notte del Vaticano II. «Si stava limando il documento più importante, la “Costituzione pastorale sulla Chiesa nel mondo contemporaneo”», racconta. «Verso le due del mattino, la Commissione teologica stava per licenziare il testo facendolo iniziare con le parole latine “Luctus et angor,  le tristezze e le angosce”. Alcuni padri conciliari vollero un altro incipit. La Costituzione vide la luce titolata Gaudium et spes. Il senso complessivo non mutava.”Le gioie e le speranze (gaudium et spes, appunto), le tristezze e le angosce (luctus et angor) degli uomini d’oggi sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo”. Cambia, e molto, la prospettiva. Iniziare con “luctus et angor” avrebbe trasmesso al mondo l’idea di una Chiesa accigliata, timorosa di quanto avviene fuori dal tempio, fortezza accerchiata».  

«Bibbia e liturgia sono due svolte storiche apportate dal Concilio», puntualizza a sua volta Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant’Egidio e studioso del mondo ecclesiale. «La Scrittura è diventata nutrimento per ogni cristiano. Le Messe, intese come espressione di comunità vive, sono da allora celebrate nelle diverse lingue, per diventare comprensibili a tutti. Lì è maturato un ottimismo non velleitario», osserva inoltre Riccardi. «Il Vaticano II è una profezia ancora attuale», assicura, dal canto suo, il cardinale Marcello Semeraro, che nel dossier di Famiglia Cristiana evidenzia i i punti del Concilio ripresi e sviluppati dalla Chiesa con papa Francesco, dai poveri alla pace: «La Chiesa imparò allora ad amare la Parola di Dio, ma anche a leggere i suoi silenzi, scrutando i segni dei tempi, cosa più che mai importante in un’epoca di guerre, crisi e pandemia», afferma il prefetto del Dicastero delle cause dei santi, che ha seguito passo a passo la riforma voluta da Bergoglio. C’è bisogno di un Vaticano III? «I partecipanti a un Concilio ecumenico, oggi, sarebbero tantissimi, e ciò renderebbe ingovernabile l’assemblea», conclude il cardinale Semeraro.  «Si può e si deve, invece, intensificare la collegialità episcopale, intensificando il dialogo tra il Pontefice e i vescovi delle diverse zone, chiedendosi che cosa hanno da dirci i vescovi dell’Asia o quelli dell’Africa e così via ».

 

Multimedia
La Gaudium et spes e gli altri: i documenti del Concilio, parla monsignor Bettazzi
Correlati
La Gaudium et spes e gli altri: i documenti del Concilio, parla monsignor Bettazzi
Correlati
Una Pentecoste per la Chiesa: dai preparativi alla chiusura, le più più belle immagini del Concilio Vaticano II
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo