Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
 
Credere

Il Concilio Vaticano II in 5 domande

06/10/2022  Cos'è il Concilio Vaticano II e perché si chiama così? Credere san Paolo risponde ad alcune domande comuni

Che cos’è il concilio?

È una riunione di tutto il collegio episcopale (i vescovi di tutto il mondo), convocati dal Papa per affrontare problemi dottrinali e pastorali posti dal tempo presente. Nella storia della Chiesa cattolica sono stati celebrati 21 concili ecumenici (cioè universali). Il Sinodo, invece, riunisce solo una rappresentanza dei vescovi.

Quali sono i concili più importanti nella storia della Chiesa?

I primi quattro concili si sono svolti a Nicea (nell’anno 325); Costantinopoli (381); Efeso (431) e Calcedonia (451) per definire gli aspetti fondamentali del Credo che professiamo ancora oggi: Cristo è vero uomo e vero Dio ed è una delle tre persone della Trinità, generato e non creato, si è incarnato, è nato dalla Vergine Maria, che è la Madre di Dio. Tra i concili più rilevanti del Medioevo ci sono i quattro Lateranensi (1123, 1139, 1179, 1215), i primi svolti a Roma, che condannano alcune eresie, rendono obbligatorio il celibato dei preti e introducono il termine “transustanziazione” riferito all’Eucaristia. Di fondamentale importanza per la Chiesa dell’età moderna è il concilio di Trento (1545-1563), che ribadisce la dottrina sui sette sacramenti e in particolare la presenza reale di Cristo nell’Eucaristia, condanna la teoria calvinista della predestinazione, definisce la struttura gerarchica della Chiesa, disciplina la formazione e la condotta del clero, introduce i seminari e le parrocchie. Dopo Trento per tre secoli non si celebrano altri concili.

Perché si chiama concilio Vaticano II?

Perché è il secondo concilio svoltosi nella basilica vaticana di San Pietro. Si è tenuto dal 1962 al 1965 sotto i pontificati di Giovanni XXIII (fino al 3 giugno 1963) e Paolo VI. Il concilio Vaticano I, invece, si è svolto tra il 1869 e il 1870, interrotto dopo la presa di Roma da parte del Regno d’Italia. Il Vaticano I ha definito i dogmi dell’infallibilità papale e dell’Immacolata concezione.

Quali sono i documenti approvati dal Vaticano II?

L’obiettivo generale del Vaticano II è stato quello di «aggiornare» la Chiesa ai segni dei tempi per annunciare all’uomo contemporaneo la morte e risurrezione di Gesù e la sua presenza che continua nella storia. Ha approvato 16 documenti, dei quali quattro costituzioni dogmatiche: la Sacrosantum concilium sulla liturgia e la sua riforma; la Lumen gentium sulla Chiesa (si passa da una concezione di Chiesa come istituzione alla Chiesa come comunione e sacramento di salvezza per il mondo intero; si supera la struttura rigidamente gerarchica a favore di una dimensione comunionale; si apre all’apostolato dei laici e all’ecumenismo); la Dei Verbum sulla Divina Rivelazione nella Sacra Scrittura (si ammette la lettura diretta della Bibbia da parte dei fedeli e se ne sottolinea la centralità nella vita della Chiesa); infine la Gaudium et spes sul rapporto con il mondo contemporaneo (si superano antiche diffidenze e condanne: in tutto e tutti – anche nei non cristiani come nel progresso e nella scienza – si riconosce un germe di bene).

Quali sono stati i principali cambiamenti concreti nella vita della Chiesa dopo il Concilio?

L’effetto più visibile è stato l’avvio della riforma liturgica che ha introdotto la Messa nelle lingue nazionali (prima era solo in latino) con il prete rivolto verso i fedeli e il coinvolgimento dei laici nella proclamazione delle letture e di alcune preghiere. Si è incoraggiata la partecipazione frequente all’Eucaristia e la lettura personale e comunitaria della Bibbia. Per dare seguito alla collegialità, papa Paolo VI ha istituito la periodica convocazione del Sinodo dei vescovi. Nelle parrocchie e nelle diocesi sono nati i Consigli pastorali. È stato reintrodotto il diaconato per gli uomini sposati e sono stati istituiti i ministeri di lettore, accolito e catechista, accessibili a donne e uomini laici. Inoltre si è dato fondamento al dialogo ecumenico e interreligioso.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo