logo san paolo
sabato 31 luglio 2021
 
Il nemico invisibile
 

Il Covid e le zone rosse, quando la guerra è contro l'imponderabile

07/09/2020  I verbali del Cts della Protezione civile desecretati ci svelano quanto si difficile combattere contro un male che si nasconde tra gli uomini. La vicenda di Alzano e Nembro

I 95 verbali delle riunioni del Cts, il Comitato tecnico scientifico del governo nato per fronteggiare l’emergenza Covid, finalmente desecretati e resi pubblici sul sito della Protezione civile, ci svelano quanto sia difficile muoversi di fronte all’imponderabile. Nei documenti, che rievocano quelle riunioni frenetiche prese nel mezzo dell’emergenza coronavirus, apre uno squarcio su quanto accaduto nei primi sei mesi della pandemia nella “cabina di regia”. Una delle frasi dei documenti forse riassume quei giorni terribili, convulsi e per certi aspetti disperati, quando le terapie intensive scoppiavano: «Emerge la necessità di verificare con precisione i dati relativi alla disponibilità locale di posti letto per malattie infettive, rianimazione e altri dati relativi ad attrezzature, staff e quanto necessario ad elaborare ipotesi di scenari di evoluzione dell’epidemia».

C’è anche il già noto verbale del 3 marzo, già pubblicato da questo giornale in anteprima il 7 agosto, relativo alla creazione o no della zona rossa di Alzano e Nembro, che tanto ha fatto discutere, ed è oggetto di un’inchiesta della magistratura. Dopo aver esaminato i dati relativi al numero dei casi, i membri del Cts avrebbero consigliato l’istituzione della “zona rossa” in Val Seriana, nei comuni di Alzano Lombardo e Nembro in particolare. La Regione Lombardia, in particolare l’assessore alla Sanità Gallera, contattato telefonicamente, aveva confermato i dati nudi e crudi, senza mai dissimularli o ridimensionarli. «Il Comitato propone di adottare le opportune misure restrittive già adottate nei Comuni della zona rossa anche in questi due comuni – prosegue il testo -, al fine di limitare la diffusione dell’infezione nelle aree contigue». Quello che è accaduto dopo, con il Governo che decide di non estendere iprovvedimenti che già aveva applicato al Lodigiano alla Val Seriana, per poi  trasformare il 7 marzo successivo, la Lombardia in zona Rossa, è noto.
Ma i giorni cruciali per la vita di migliaia di persone sono quelli precedenti, a partire da metà di febbraio e in particolare dal 23, con l’ospedale di Alzano che va sotto pressione per la quantità di ricoveri. Ed è in quel periodo che la confusione sotto il cielo è enorme poiché in quei giorni il Covid è un nemico invisibile, subdolo, che non permette di farsi un’idea, un quadro completo della situazione. I dati arrivano in maniera non omogenea.

Nel frattempo il tempo passa e il Covid si trasmette nel formicolio di uomini e donne che entrano ed escono da quella comunità montana. Non soltanto i sanitari delle località della Bergamasca colpite, ma anche i superesperti non hanno una dimensione precisa dell’entità del fenomeno. Mentre medici e infermieri procedono come ciechi in mezzo alla battaglia, i generali non individuano il campo di battaglia, nella congerie di dati che affluiscono alla centrale della Protezione civile. Una vicenda umana, in cui, a leggere i verbali, non ci sono reati di omissione o decisioni prese in malafede. Tutti si dannano per capire, per combattere il male oscuro. Ma il male oscuro si nasconde tra gli uomini, appare e riappare.
Che fosse una situazione con grandi cambiamenti repentini lo si evince leggendo il verbale del 26 febbraio quando invece il Comitato tecnico scientifico non riteneva ci fossero le condizioni per l'estensione delle restrizioni al movimento delle persone a nuove aree oltre ai 10 Comuni indicati come zona rossa dal Dpcm del 23 febbraio (il Loddigiano per semplificare).

Cinque giorni prima lo stesso Cts parlando del caso Lombardia parlava di focolaio contenuto: «Si prende atto della segnalazione proveniente dalla Regione Lombardia di casi sporadici in via di conferma». E' un passaggio del verbale del Comitato tecnico scientifico del 21 febbraio. Certo tutto questo non ci consola e non esaurisce la nostra volontà di giustizia. Ma almeno ci tiene lontani da facili giudizi emessi con il senno del poi.
 

 

 

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%