Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
 

Il credito al consumo conquista gli stranieri

27/09/2011  Non è italiano il 13% delle richieste: i prestiti servono per comprare l’auto o ristrutturare la casa

Anche gli stranieri hanno scoperto il credito al consumo: secondo un’indagine di Prestiti.it, su 24mila richieste, il 13% non è di italiani. Il richiedente tipo è un uomo (68% contro il 32% delle donne), 34 anni, che necessita di circa 10mila euro da rimborsare in 57 mesi, ovvero quasi cinque anni. Le domande dei prestiti personali servono per investimenti di medio e lungo periodo e, in un caso su due (46,3%), sono cittadini rumeni a richiedere un finanziamento. Del resto i rumeni sono al primo posto anche per la richiesta di mutui prima casa. Interessante il dato relativo alle comunità marocchine e albanesi, che sono quelle numericamente più importanti per il nostro Paese: dai cittadini di queste nazionalità arrivano solo il 5,6 e il 4,9% delle domande.

Casa, auto e liquidità: sono questi i bisogni che spingono a chiedere un finanziamento. «Il ricorso al credito al consumo – dice Marco Giorgi di Prestiti.it – rappresenta un segnale positivo, perché rileva la volontà di integrazione dei cittadini stranieri in Italia: impegnarsi in un investimento e pagare delle rate mensili sono azioni importanti per determinare l’inserimento nel nostro tessuto produttivo». Il maggior numero di richieste arriva da regioni dove l’incidenza di stranieri è più alta, come Veneto e Lombardia.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo