logo san paolo
sabato 25 giugno 2022
 
il teologo
 

Cosa vuol dire che il cristianesimo è "metastorico"

14/04/2022  Un fedele chiede al teologo che cosa significhi veramente il concetto che il cristianesimo sia considerato nella storia un evento metastorico.

GIANCARLO C. - Il cristianesimo è un evento metastorico che accade nella storia. Che cosa significa?

 

«Il Cristianesimo non è un sistema intellettuale, un pacchetto di dogmi, un moralismo, ma […] un  incontro, una storia d’amore, un avvenimento». Così diceva l’allora cardinale Joseph Ratzinger nel 2005  nell’omelia per le esequie di don Luigi Giussani. Il cristianesimo si fonda sulla vita storica (parole e gesti)  di Gesù di Nazaret, giungendo a noi per mezzo del Vangelo (parola) e della Chiesa (sacramenti). Esso va  oltre (meta) il periodo storico in cui Gesù era su questa terra, perché nella Risurrezione si apre a una  dimensione nuova. Per il suo essere “storico”, il cristianesimo cambia la vita personale di ciascuno, come  sequela al Maestro. Per il suo essere “metastorico” esso chiama universalmente (cioè in ogni tempo e  ogni luogo) ad aprirsi all’oltre che ci è promesso nell’incontro definitivo col Figlio e il Padre nello Spirito  (fuori dal tempo, nell’eterno). Questo non penalizza né l’impegno storico verso le realtà terrene (la vita  eterna inizia adesso, nella storia) né la speranza della vita (piena) dopo la morte.

 

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo