logo san paolo
mercoledì 20 ottobre 2021
 
dossier
 

Il disastro del Titanic fu colpa di un incendio?

03/01/2017  Mercoledì 30 ottobre su Canale 5 è andato in onda il celebre film con Leonardo di Caprio. Intanto prende corpo l'ipotesi sulla causa che portò il celebre transatlantico a collassare rapidamente dopo l'impatto con l'iceberg il 14 aprile 1912. E' la tesi del giornalista irlandese Senan Molony: fiamme che bruciarono per settimane e indebolirono lo scafo

Un momento dei soccorsi ai superstiti del Titanic
Un momento dei soccorsi ai superstiti del Titanic

Del Titanic si è detto di tutto. Anzi quasi tutto. Perché malgrado siano passati 115 anni dall’impatto fatale con l’iceberg la notte del 14 aprile 1912, che sia stato ritrovato e analizzato lo scafo, che siano state spesi fiumi di inchiostro e di pellicola per rievocare uno dei più clamorosi disastri navali della storia, c’è chi ancora studia e analizza in cerca di nuove spiegazioni. Ed ecco una nuova rivelazione dal giornalista irlandese Senan Molony, che da 30 anni studia il Titanic. Fu colpa di un incendio che stava bruciando  nel deposito 10 del carbone da almeno tre settimane, e che indebolì l’acciaio dello scafo, il quale non resse all’urto con l’iceberg. Ecco perché il transatlantico ci impiegò solo tre ore a collassare causando la morte di 1500 persone. Certo  l’entità del disastro fu imputabile anche alle negligenze, l’eccessiva velocità di crociera, alla scarsezza delle scialuppe di salvataggio. Ma un colosso di quelle proporzioni avrebbe dovuto reggere più a lungo lo squarci nella chiglia. Questo almeno è quando sostiene Molony, che porta come prova delle sue ipotesi alcune immagini del Titanic di quando uscì dai cantieri di Belfast prima della partenza dal porto di Southampton. Ci sono dei segni neri lungo la fiancata destra, appena dietro la parte che sarà poi colpita dall’iceberg. Secondo Molony l’incendio andò avanti per tre settimane senza che una squadra di dodici uomini riuscisse a domare le fiamme perché raggiunse temperature di mille gradi. Secondo il giornalista gli armatori ordinarono agli ufficiali di bordo di non diffondere la notizia dell’incendio, e proprio per nasconderne gli effetti delle fiamme la nave a Southampton approdò al molo con il lato sinistro.

Il relitto del Titanic sul fondo dell'oceano Atlantico
Il relitto del Titanic sul fondo dell'oceano Atlantico

.

Multimedia
Titanic, ecco i reperti e le ricostruzioni
Correlati
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%