logo san paolo
martedì 09 agosto 2022
 
Wilbur Smith
 

Antico egitto: una saggezza dal fascino magnetico

27/03/2017  Erano forse gli egizi precursori del monoteismo? La saggezza dell’antica civiltà egizia esercita un fascino quasi magnetico ancor oggi, forse perché avvolta nelle nebbie dei tempi e ammantata di misteri solo parzialmente disvelati. Scopriamoli attraverso la penna del maestro del romanzo d'avventura, Wilbur Smith, in uscita il 3 aprile con il nuovo libro "L'ultimo faraone" e partecipate al concorso riservato ai nostri lettori...

 Wilbur Smith nel 2014 presenta "Il Dio del Deserto" al Museo Egizio, appartenente al suo popolarissimo ciclo dedicato all'antico popolo egiziano (foto Ansa)
Wilbur Smith nel 2014 presenta "Il Dio del Deserto" al Museo Egizio, appartenente al suo popolarissimo ciclo dedicato all'antico popolo egiziano (foto Ansa)

Secondo alcuni studiosi, la religiosità dell’antico Egitto sarebbe solo apparentemente politeistica. In realtà, infatti, i saggi egizi probabilmente avevano una visione monoteistica della divinità, in maniera del tutto analoga a ebraismo, cristianesimo, islamismo e così via. La separazione in diverse entità, ciascuna delle quali a presidiare una diversa ‘funzione’, sarebbe quindi una sorta di articolazione del culto volta a renderlo più praticabile e comprensibile.

Di fatto, la saggezza dell’antica civiltà egizia esercita un fascino quasi magnetico ancor oggi, forse perché avvolta nelle nebbie dei tempi e ammantata di misteri solo parzialmente disvelati.

A tal punto che è difficile definire i contorni di ciò che s’intende per ‘saggezza’, quando si parla di epoche storiche così remote. Ed è anche in questa occasione che può soccorrerci l’inventiva di un narratore di razza, come è Wilbur Smith. Nel suo romanzo più recente, L’ultimo faraone, appartenente alla saga dei romanzi incentrati sull’antico Egitto, Smith colma lo iato tra mistero e conoscenza attraverso la risorsa più importante di uno scrittore: l’immaginazione. E, come spesso capita a chi ha un talento per il racconto come il suo, probabilmente non va molto distante dalla verità.

Ecco come, nelle sue stesse parole, si definisce Taita, il protagonista del romanzoI più mi considerano un saggio e un filosofo, un uomo di spirito nobile e dalla natura fondamentalmente gentile e indulgente, ma sotto quella patina si cela un guerriero assetato di vendetta e uno spietato uomo d’azione.

In nuce, questa frase emblematica sembra contenere tutte le qualità di un ‘saggio’, qual è Taita: da un lato l’amore per la conoscenza, che implica una costante curiosità e un’apertura al mondo e agli altri priva di pregiudizi. Vi sono poi le qualità morali, ovvero la rettitudine e la capacità di discernere ciò che è giusto da ciò che non lo è. I modi e i comportamenti sono parte essenziale dell’essere un ‘saggio’: ecco quindi la cortesia e la capacità di perdonare.

Ma è l’ultima frase a dimostrarsi particolarmente rivelatoria: nell’antichità, un saggio non poteva che essere anche un guerriero, ferrato nell’arte militare e capace di guidare eserciti, disposto a ricorrere a qualsiasi mezzo pur di riparare un torto (a sé o alla civiltà che rappresenta).
L’evidente ambivalenza di questa definizione di saggezza da un lato la rende dinamica e fluida, mutevole in funzione delle situazioni sociali e politiche, e dall’altro contribuisce ad alimentarne il fascino imperituro, perché contiene in sé un ingrediente fondamentale: l’inatteso.

Ed è proprio da ciò che non ci si attende, da ciò che può sorprenderci, che sorge la fascinazione, e il mistero, dell’antico Egitto.

PARTECIPATE AL NOSTRO CONCORSO ESCLUSIVO

IN ESCLUSIVA PER I NOSTRI LETTORI, UN SEMPLICE CONCORSO PER AGGIUDICARSI IN POCHI PASSI 40 COPIE AUTOGRAFATE IN EDIZIONE SPECIALE DEL ROMANZO DEL MAESTRO DELL'AVVENTURA:

http://www.famigliacristiana.it/articolo/l-ultimo-faraone-di-wilbur-smith-una-copia-autografata-per-voi.aspx

Multimedia
43 citazioni di Wilbur Smith per raccontare la bellezza dell'Africa
Correlati
I vostri commenti
8

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo