logo san paolo
giovedì 02 dicembre 2021
 
Sui rapporti tra cristianesimo e islam
 

Eliminare chi ha una fede diversa non è mai la soluzione

31/08/2016  «In Italia dovremmo trattare i musulmani come fanno in Arabia Saudita con i cristiani». E' questo il senso di una lettera di un nostro abbonato, secondo il quale affermare che l’islam non ha nulla a che vedere con le atrocità dell’Isis è negare l’evidenza. Gli risponde l'islamista Paolo Branca, docente all'Università Cattolica: «Se in Arabia Saudita è proibito erigere chiese, in altri Paesi vicini ve ne sono di grandi e bellissime».

«Dire che l’islam non ha nulla a che vedere con le atrocità dell’Isis è negare l’evidenza! Il Corano dice che è giusto uccidere gli infedeli. In Italia dovremmo trattare i musulmani come si fa con i cristiani in Arabia Saudita».

ENZO T. 

Anche nell’Antico Testamento vi sono versetti simili e persino alcune parole di Gesù, non contestualizzate, hanno potuto essere usate per giusticare aggressioni e conquiste: «Chi non è con me è contro di me» o «Sono venuto a portare la spada».

Voler bene agli altri, persino ai nemici, non è da confondere con un atteggiamento remissivo se non masochista. Vuol dire volere “il bene” anche per loro, ossia praticare la giustizia.

Nei confronti dei musulmani, come esorta il Concilio nella
Nostra aetate, si tratta di valorizzare tutto il positivo che pur non manca nelle loro fonti e nei precetti della loro tradizione religiosa. Secoli di scontri dovrebbero averci insegnato che l’eliminazione dell’altro non può essere la soluzione.

Quanto ai musulmani che lavorano nei Paesi del Golfo, subiscono spesso maltrattamenti in spregio alle norme dell’islam stesso e se in Arabia Saudita è proibito erigere chiese, in altri Paesi vicini ve ne sono anche di grandi e bellissime.

I vostri commenti
48

Stai visualizzando  dei 48 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo