Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 21 maggio 2024
 
In famiglia
 

Quel nonno che non vuole "fare il nonno"

29/11/2016  Ci scrivono: «Il nonno, a furia di lamentarsi della società, degli acciacchi, di tutto, sta sprecando l'occasione di passare il tempo con i nipotini. Non riesco a fargli capire cosa si perde!». Rispondo gli esperti

Mio padre, vedovo da tempo, secondo me non si sta godendo per nulla il fatto di essere nonno. Sia io sia mia sorella abbiamo due figli tra i 9 e i 15 anni e quindi lui, che vive vicino a noi, avrebbe tante occasioni per passare del tempo con loro. Mio figlio, ad esempio, gioca a calcio e lui che guida potrebbe accompagnarlo agli allenamenti, ma anche i due più piccoli sarebbero ben contenti se come tanti nonni li portasse a vedere gli animali o i lavori di costruzione... Invece se ne sta chiuso in casa o al bar a parlare sempre delle stesse cose e a... lamentarsi di tutto, di questa società e dei suoi, peraltro minimi, acciacchi. Ma io non so che cosa fare. Se provo a fargli notare appena quel che perde, si arrabbia e dopo ci metto giorni per ricuperare!

CARLO

— Caro Carlo, non è la prima volta che qualcuno mi scrive per descrivere una situazione come quella di tuo padre, anche se per fortuna molti lettori parlano di ben altre figure di nonno! Trovo che sia molto bello quello che traspare dalla tua lunga e-mail e cioè il dispiacere per quanto tuo padre si sta “perdendo”, senza un cenno di lamentela per quanto potrebbe offrire alle vostre famiglie. Secondo me fai molto bene a cercare di farglielo notare anche a costo di prenderti qualche rimbrotto ingiustificato. Credo che sia un dovere dei figli farlo, almeno sino al momento in cui potrebbe accadere che le loro condizioni psicofisiche gli impediscano di comprendere... Nella tua descrizione ho ritrovato alcuni dei passi di una ricerca davvero interessante, che ha sondato gli effetti dell’allungamento della vita: “Risorsa per la famiglia e opportunità per la società”. Uno dei gruppi di anziani individuato dai ricercatori del Centro di ateneo Studi e ricerche dell’Università Cattolica di Milano è proprio quello dei “bloccati”, soggetti «che paiono essere come imprigionati in una condizione esistenziale negativa» e che, guarda caso, dimostrano un indice basso di soddisfazione, ma anche di solidarietà tra le generazioni, di numero di amici, di rapporti con i vicini, di attività fisica e di partecipazione ad attività associative. Non mollare dunque, Carlo. Come avrà detto lui un tempo da genitore, “fallo per il suo bene”.

Tag:
I vostri commenti
5

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo