logo san paolo
venerdì 27 maggio 2022
 
Il teologo
 

Il nuovo Messale e la formula "per tutti" invece di "per molti"

10/12/2020 

LORENZO A. - Il nuovo Messale nelle parole sul calice durante la consacrazione conserva la formula «versato per voi e per tutti», ma in Mc 14,24 si legge «versato per molti » (in latino: “pro multis”). Non bisognava cambiare?

Di tutta la grande discussione su questa formula ci limitiamo all’aspetto filologico. L’originale greco del testo di Mc (e anche Mt) ha “hypèr pollôn”, che tradotto letteralmente significa “per molti”. Tuttavia occorre tener presente che Gesù non parlava greco, perciò quel “per molti” sta traducendo un originale aramaico/ebraico che dice “per le moltitudini” (“rabbim”, come il servo in Is 53,2: «egli portava il peccato di molti»). Mentre infatti in italiano (e in altre lingue) “molti” ha un senso restrittivo, vuol dire cioè “molti, ma non tutti”, In ebraico quel “molti” significa “le moltitudini”, un numero indefinito che corrisponde al nostro “tutti” (cfr. anche Mt 22,14: «molti sono i chiamati…»). D’altronde Paolo afferma chiaramente che Cristo è morto per tutti (2Cor 5,15). In effetti questo è uno di quei casi in cui una traduzione troppo letterale rischia di non essere fedele all’intenzione originaria del testo. Perciò è da salutare con favore la scelta di non cambiare quella formula.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo