logo san paolo
giovedì 02 dicembre 2021
 
 

Il Papa a lezione di inglese: «Un allievo scrupoloso»

22/09/2015  Durante l'estate scorsa e in vista del viaggio negli Stati Uniti il Pontefice ha seguito ripetizioni di inglese con monsignor Mark Miles, pro-capo della sezione inglese della Segreteria di Stato che ha fatto da interprete nell'udienza in Vaticano con Obama

Di ritorno dal viaggio in America Latina quest'estate sull'aereo papa Francesco aveva detto che avrebbe studiato Cuba e gli Stati Uniti, mete del suo nuovo imminente viaggio. Intendeva dire anche la lingua. Bergoglio infatti, ha trascorso buona parte dell'estate prendendo ripetizioni di inglese per potersi esprimere fluentemente nella lingua madre degli americani durante le tappe negli Usa. Ad aiutarlo nell'esercitarsi in inglese è stato monsignor Mark Miles, pro-capo della sezione inglese della Segreteria di Stato.

Chi lo ha incontrato di recente ha descritto «il maestro» molto soddisfatto dei progressi di papa Francesco.  Anche il sostituto della Segreteria di Stato, mons. Angelo Becciu, ha sottolineato in un'intervista al telegiornale di TV2000 che «il Papa è un bravo scolaro, sente lo scrupolo di far bene le cose. Posso dire che ha passato l'estate preparandosi per questo viaggio. Ha visto i discorsi uno per uno, li ha preparati, valutati, discussi, corretti, ripresi varie volte. Anche nelle lezioni di inglese è stato costante e scrupoloso». Mons. Becciu ha spiegato inoltre che i discorsi è «vero che non li pronuncerà tutti in inglese però quelli impegnativi sì. Penso che farà bene perchè ci ha già dato esempio che dove ha dovuto parlare e leggere ha fatto bene. In lui c'è la carica comunicativa e dove potrà parlare la sua lingua sarà ancora più affascinante e comunicativo. Posso dire che ha fatto una preparazione scrupolosa. Ha il desiderio di portare e presentare nel migliore dei modi il messaggio evangelico».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo