logo san paolo
martedì 11 agosto 2020
 
dossier
 

«Difendiamo la famiglia perchè lì si gioca il nostro futuro»

27/09/2015  L'accorato intervento del Santo Padre a Philadelphia, la principale città della Pennsylvania, che ieri ha ospitato la festa e la veglia di preghiera dell'ottavo Incontro mondiale delle famiglie. Per Francesco la famiglia è fabbrica di speranza, di vita e di resurrezione perché voluta da Dio. «Senza cura di bambini e nonni», ha detto, «non c’è forza e memoria». Migliaia le persone presenti.

Philadelphia, sabato 26 settembre 2015. L'arrivo del Papa al Benjamin Franklin Parkway, scenografico viale che porta nel cuore della città. Foto Reuters. Le foto sopra e di copertina, invece, sono dell'agenzia Ansa.
Philadelphia, sabato 26 settembre 2015. L'arrivo del Papa al Benjamin Franklin Parkway, scenografico viale che porta nel cuore della città. Foto Reuters. Le foto sopra e di copertina, invece, sono dell'agenzia Ansa.

Philadelphia, Usa
Dal nostro inviato


Francesco, finalmente. I 20 mila partecipanti che da giorni danno vita all'ottavo Incontro mondiale delle famiglie più migliaia e migliaia di altre persone (gli organizzatori stimano che oggi, domenica, alla Messa conclusiva si possa arrivare a un milione, se non di più) aspettavano di vedere il Papa, di stringersi - per come possibile - a lui. Ieri sera Bergoglio è arrivato sulla Benjamin Franklin Avenue, dopo un’intensa giornata di incontri nella città di Philadelphia, per fare festa insieme alle tantissime famiglie radunatesi fin dal primo pomeriggio per accoglierlo.

Il colpo d’occhio era impressionante, e lo sforzo, per la città tutta, è stato incredibile: una vasta zona del centro (oltre una quarto) è stata dichiarata off limits per tre interi giorni. La strada dedicata alle famiglie è un vialone nel vivo del traffico urbano: un po’ come chiudere Corso Buenos Aires a Milano o Via Nazionale e Corso Vittorio Emanuele a Roma…. Nella zona senza traffico, poi, davanti a ogni parcheggio pubblico o privato sono stati messi degli spartitraffico di cemento armato. Chi ha dimenticato la macchina lì, semplicemente, non potrà usarla fino a lunedì. Sembrava una delle nostre domeniche antismog…

La festa è stata bella, vivace, sempre un po’ “all’americana”, ma comunque coinvolgente, presentata con grande efficacia e misura da Walt Wahlberg, attore di rilievo, e con personaggi come Aretha Franklin e Andrea Bocelli (e molti altri, meno noti all’estero, ma evidentemente ben conosciuti dal pubblico statunitense). Sei testimonianze di famiglie da diverse parti del mondo, dall’Ucraina alla Nigeria, dagli Stati Uniti alla Giordania. Ma soprattutto erano attese le parole di papa Francesco. Un discorso fatto in spagnolo, con grande passione e familiarità. Era davvero contento di poter parlare con le famiglie. Intervento breve, anche perché iniziato ben dopo le 21, in una serata fresca ma raffreddata da un vento a volte tagliente. Un discorso tutto a braccio, il suo, molto efficace, interrotto da diversi applausi. E capace, con poche pennellate, di raccontare la bellezza della famiglia, e soprattutto quanto questa bellezza sia strettamente collegato al Vangelo della salvezza.

Philadelphia, 26 settembre 2015. Il Papa alla Veglia dell'ottavo Incontro mondiale delle famiglie. Foto Reuters.
Philadelphia, 26 settembre 2015. Il Papa alla Veglia dell'ottavo Incontro mondiale delle famiglie. Foto Reuters.

Intanto perché Dio, per entrare nel mondo, non scelse un grande palazzo, non scelse la ricchezza, ma si fece uomo in una famiglia. Poi, perché durante la creazione proprio ad una famiglia, all’amore tra l’uomo e la donna, affidò l’intero creato. La famiglia è quindi la strada privilegiata per vivere la bellezza, la bontà, la verità, tutti valori che portano l’uomo a Dio, e che nella famiglia trovano il primo luogo di educazione e di alimento. E famiglie che vivono questi valori costruiscono società più belle, più buone, più vere. Purché il nostro cuore – ha ricordato papa Francesco – sia disponibile ad aprirsi a Dio, come hanno fatto Maria e Giuseppe. Anzi, la porta a cui Dio bussa con più piacere è proprio quella della famiglia. Quindi, che ogni famiglia sia aperta, a Dio e al prossimo. Questo non significa negare le difficoltà delle famiglie: anzi, proprio perché attraversa le difficoltà e la croce, la famiglia ha in sé la capacità di diventare generatrice di speranza e di resurrezione.

«Una società cresce forte, bene, cresce se si è costruita sul fondamento della famiglia», ha detto testualmente Jorge Mario Bergoglio. Precisando, subito dopo: «Nella famiglia ci sono difficoltà», ha aggiunto, ricordando le liti, la «stanchezza», ma, ha precisato , è sempre una «fabbrica di speranza, risurrezione e vita», perché voluta da Dio. Papa Francesco ha detto proprio «fabbrica di speranza», chiedendo anche scusa per l’uso di questa parola. Ma l’ha voluta dire, proprio per affermare la concretezza dei frutti della famiglia. Ha parlato poi  dei «bambini e giovani» che sono il futuro e dei nonni, che sono  memoria: «Sono loro che ci hanno dato fiducia, hanno trasmesso la fede». La cura dei nonni - ha specificato - e la cura dei bambini sono segni dell'amore. Un popolo che non sa come prendersi cura dei bambini e dei nonni, è senza futuro, perché spiega: «non ha la forza e memoria»: «Noi difendiamo la famiglia, perché che il nostro futuro è in gioco». E' stato il passaggio conclusivo del suo intervento. Quando la gente ha sentito l’invito a pregare perché si diventi sempre più convinti che «vale la pena di combattere per difendere la famiglia», tutti si sono alzati in piedi, nell’applauso più scrosciante della serata.

* Francesco Belletti è il direttore del Cisf (Centro internazionale studi famiglia) e  presidente del Forum delle associazioni familiari

Multimedia
Il vento fa i dispetti a papa Francesco
Correlati
I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%