logo san paolo
sabato 04 dicembre 2021
 
Udienza
 

Francesco a Radio Maria: «Voi comunicate speranza»

29/10/2015  «Perseverate in fedeltà al Vangelo e alla Chiesa». Oltre 30 milioni di ascoltatori nel mondo; una presenza diffusa in 70 Paesi; migliaia di volontari negli studi. I responsabili delle emittenti che legano il loro nome alla Madonna ricevuti da Bergoglio. Padre Livio Fanzaga: «Ho detto al Papa che stiamo preparando una Radio Maria web in arabo per i cristiani perseguitati».

Tutte le foto di questo servizio sono dell'Osservatore Romano.
Tutte le foto di questo servizio sono dell'Osservatore Romano.

Un invito a «perseverare nell'impegno, che è diventato una vera missione, con fedeltà al Vangelo e al Magistero della Chiesa e in ascolto della società e delle persone, specialmente dei più poveri ed emarginati, in modo da essere per tutti i vostri ascoltatori un punto di riferimento e un sostegno». Lo ha rivolto oggi papa Francesco alla "Famiglia mondiale di Radio Maria", ricevendo in udienza circa duecento dirigenti delle emittenti attive in circa settanta Paesi, nei cinque continenti. Una reti di radio che possono contare un pubblico fedele di oltre 30 milioni di ascoltatori, ogni giorno.

«Diffondendo il Vangelo e la devozione alla Madre di Gesù, promuovendo l‘amore alla Chiesa e alla preghiera - ha aggiunto il Pontefice -, si offre un "canale" valido per ascoltare belle riflessioni, per imparare a pregare, per approfondire i contenuti della fede che edificano e ampliano gli orizzonti. La Radio, in tal modo, diventa un mezzo che non comunica solo un insieme di notizie, di idee, di musiche senza un filo conduttore, e che potrebbe solo cercare di distrarre e forse di divertire, ma diventa un mezzo di prim‘ordine per veicolare la speranza, quella vera che deriva dalla salvezza portata da Cristo Signore, e per offrire buona compagnia a tante persone che ne hanno bisogno».

«Il diffondersi di Radio Maria in tanti ambienti tra loro diversi per cultura, lingua e tradizioni, costituisce una buona notizia per tutti, perché dimostra che, quando si ha il coraggio di proporre contenuti di alto profilo a partire da una chiara appartenenza cristiana, l‘iniziativa trova buona accoglienza oltre le migliori previsioni, a volte anche presso coloro che magari per la prima volta vengono in contatto con il messaggio evangelico», ha detto altresì Jorge Mario Bergoglio . «Nel portare avanti il vostro intento vi siete fidati della Provvidenza, che non vi ha mai fatto mancare i mezzi per le necessità quotidiane: per l’ammodernamento delle tecnologie, in modo da disporre di strumenti al passo con i tempi, e per lo sviluppo della Radio, prima in Italia e poi in tanti Paesi del mondo, con una capillarità e una rapidità sorprendenti. A questo riguardo, la sfida è mantenere lo stile di sobrietà, pur nella ricerca degli strumenti adeguati».

«Direi al di sopra di ogni nostra aspettativa perchè il Papa ha fatto un discorso ampio su Radio Maria che dimostra anche una conoscenza dello spirito della radio e dei programmi della radio e del bene che fa questa radio in tutto il mondo, la sua estensione capillare, anche nei posti più difficili». Così padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria Italia, ha commentato a Radio Vaticana com'è andata l'udienza di oggi del Papa alla "Famiglia mondiale" dell'emittente cattolica. «Quindi per noi il discorso che ha fatto il Santo Padre è di grande soddisfazione perchè è il riconoscimento supremo, il massimo riconoscimento che possa esserci sulla bontà della radio, sul bene che fa», prosegue il sacerdote.

«Poi il Papa ha passato in rassegna tutte le componenti fondamentali della radio. Quello che mi ha colpito di più è il fatto che il Papa abbia sottolineato questo nostro coraggio di aver fiducia nella divina Provvidenza e di andare avanti con la massima sobrietà in tutte le cose, ottenendo grandi realizzazioni con mezzi modesti, con la generosità della gente - ha aggiunto padre Livio Fanzaga  -. Questo è un aspetto del discorso che mi ha molto colpito; ci ha come incoraggiato su questa strada, ci ha detto di andare avanti e poi ci ha molto esortato a essere fedeli a questa pietà mariana, a questa ispirazione mariana, a questo amore per la Madonna». «Io personalmente nella mia presentazione al Papa - ha concluso padre Livio - ho detto che accogliendo il suo invito ad aiutare i nostri fratelli che sono nella persecuzione stiamo allestendo una Radio Maria web in lingua araba per i cristiani perseguitati, e ho avuto la gioia di presentare il futuro direttore, un sacerdote arabo maronita che sarà il futuro direttore di questa Radio per i cristiani perseguitati».

Multimedia
Padre Livio, la voce di Radio Maria
Correlati
I vostri commenti
14

Stai visualizzando  dei 14 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo