Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 luglio 2024
 
SANTA MARTA
 

Papa Francesco: «Più sei peccatore più Dio è vicino a te»

16/01/2020  Nella Messa mattutina Bergoglio ha parlato della compassione, che è diversa dalla pena, perché con essa Dio «prenderà su di sé i nostri problemi, i nostri peccati, le nostre malattie interiori, tutto»

Dio è venuto per i peccatori «e quanto più gran peccatore tu sei, più il Signore è vicino a te»: lo ha sottolineato il Papa che ha incentrato l’omelia della messa mattutina a Casa Santa Marta sulla «compassione», concetto ben diverso dalla «pena», perché implica il coinvolgimento di Gesù che prende su di sé «i nostri problemi, i nostri peccati, le nostre malattie interiori, tutto».

Francesco ha commentato il racconto evangelico del lebbroso che si affida alla compassione di Dio dicendogli: «Signore se tu vuoi, puoi». Una «storia semplice», un «atto di fiducia», ha spiegato il Papa a quanto riportato da Vatican News, che «attira l’attenzione di Dio»: «E’ una sfida – ha notato il Papa – ma anche è un atto di fiducia. Io so che lui può e per questo mi affido a lui». E questo accade perché il lebbroso «vedeva come agiva Gesù. Quest’uomo aveva visto la compassione di Gesù». Compassione, non pena, è un «ritornello nel Vangelo», ha notato il Papa: «La compassione coinvolge, viene dal cuore e coinvolge e ti porta a fare qualcosa. Compassione è patire con, prendere la sofferenza dell’altro su di sé per risolverla, per guarirla. E questa è stata la missione di Gesù. Gesù non è venuto a predicare la legge e poi se ne è andato. Gesù è venuto in compassione, cioè a patire con e per noi e a dare la propria vita. E’ tanto grande l’amore di Gesù che la compassione lo portò proprio ha portato fino alla croce, a dare la vita». Gesù «è capace di coinvolgersi nei dolori, nei problemi degli altri perché è venuto per questo, non per lavarsene le mani e fare tre, quattro prediche e andarsene», è accanto a noi sempre.

«Signore se tu vuoi puoi guarirmi; se tu vuoi, puoi perdonarmi; se tu vuoi puoi aiutarmi», è la preghiera consigliata dal Papa ai fedeli: «O se volete un po' più lunga: “Signore, sono peccatore, abbi pietà di me, abbi compassione di me”. Semplice preghiera, che si può dire tante volte al giorno. “Signore, io peccatore ti chiedo: abbi pietà di me”. Tante volte al giorno, dal cuore interiormente, senza dirlo ad alta voce: “Signore se tu vuoi, puoi; se vuoi, puoi. Abbi compassione di me”». Jorge Mario Bergoglio ha dato voce alla renitenza di un fedele che non si fida perché non crede di poter essere assolto dai propri peccati: «O, padre, io sono un peccatore, come andrò a dire questo...». Ma il Papa ha la risposta: «Meglio! Perché Lui è venuto proprio per noi peccatori,  e quanto più gran peccatore tu sei, più il Signore è vicino a te, perché è venuto per te, il più grande peccatore, per me, il più grande peccatore, per tutti noi. Prendiamo l’abitudine di ripetere questa preghiera, sempre: “Signore, se vuoi, puoi. Se vuoi, puoi”, con la fiducia che il Signore è vicino a noi e la sua compassione prenderà su di sé i nostri problemi, i nostri peccati, le nostre malattie interiori, tutto».

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo