logo san paolo
sabato 25 settembre 2021
 
ANGELUS
 

«Chi si dice cristiano non maltratta vedove, orfani, stranieri e migranti»

29/10/2017  Dio sta al fianco delle «persone più sole e indifese», ha detto papa Francesco. Precisando: il suo sogno è che l'amore regni tra gli uomini. «Senza l’amore, sia la vita sia la fede rimangono sterili»

«Senza l'amore, sia la vita sia la fede rimangono sterili». Nè si può presumere di essere cristiani se si maltrattano coloro che godono della protezione di Dio: vedove, orfani, stranieri e migranti. Lo ha detto stamane papa Francesco durante il consueto appuntamento domenicale con la preghiera dell'Angelus. Gesù ha vissuto la sua vita predicando e operando ciò che veramente conta ed è essenziale, cioè l’amore, ha ribadito con forza Jorge Mario Bergoglio. Dalla finestra dello studio del Palazzo apostolico, che affaccia su Piazza San Pietro, Francesco ha evidenziato che «l’amore dà slancio e fecondità».Riferendosi al Vangelo del giorno (cfr Mt 22,34-40) in cui l’evangelista Matteo ricorda la domanda insidiosa dei farisei a Gesù, ovvero quale fosse “il grande comandamento”, il Pontefice ha spiegato il nesso di amore tra Dio e l'uomo. Ha ricordato la risposta di Gesù: “Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. E “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. «Gesù vuole far capire che senza l’amore per Dio e per il prossimo non c’è vera fedeltà a questa alleanza con il Signore”. "Tu puoi fare tante cose buone, compiere tanti precetti - ha proseguito a braccio -, ma se tu non hai amore, questo non serve".

Citando il Libro dell’Esodo ha sostenuto, ancora una volta, che "non si può stare nell’Alleanza con il Signore e maltrattare quelli che godono della sua protezione: la vedova, l’orfano e lo straniero, il migrante cioè le persone più sole e indifese”. “Noi siamo stati creati per amare ed essere amati” ha incalzato Francesco, parlando di "ideale stupendo” incarnato dal Vangelo del giorno, ideale “che corrisponde al desiderio più autentico del nostro cuore”.

“Dio, che è Amore - ha continuato - ci ha creati per renderci partecipi della sua vita, per essere amati da Lui e per amarlo, e per amare con Lui tutte le altre persone. Questo è il ‘sogno’ di Dio per l’uomo”. Un sogno realizzabile solo con la grazia celeste, perché - ha spiegato - “abbiamo bisogno di ricevere in noi la capacità di amare che proviene da Dio stesso”. Ed è proprio l’offerta di Gesù nell’Eucaristia a renderlo possibile, poiché “riceviamo Gesù nell’espressione massima del suo amore, quando Egli ha offerto se stesso al Padre per la nostra salvezza”.

Dopo la preghiera dell’Angelus il saluto ai tanti fedeli radunatisi in Piazza, in particolare il Papa ha ricordato Giovanni Schiavo (1903-1967), sacerdote dei Giuseppini del Murialdo, che ieri a Caxias do Sul, in Brasile, è stato proclamato beato.Nato sui colli vicentini all’inizio del secolo scorso, fu inviato giovane prete in Brasile, dove ha lavorato con zelo al servizio del popolo di Dio e della formazione dei religiosi e delle religiose. “Il suo esempio - ha detto - ci aiuti a vivere in pienezza la nostra adesione a Cristo e al Vangelo. Poi salutando la comunità dell Togo in Italia e quella del Venezuela ha affidato alla Vergine Maria "le speranze e le legittime attese di queste due Nazioni».

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%